Stangata in borsa per la Juventus. Dopo la sconfitta contro l'Ajax e la conseguente eliminazione dalla Champions League, i titoli del club bianconero sono precipitati in borsa

All'apertura di Piazza Affari, infatti, la società con Angelli proprietario ha registrato un calo nelle contrattazioni del 21,8 per cento, per poi entrare in asta di volatilità e arrivare a perdere fino a un meno 25 per cento teorico, salvo poi recuperare. 

Una situazione simile si era già verificata dopo la sconfitta a Madrid contro l'Atletico alla fine di febbraio: in quell'occasione le azioni della Juventus avevano chiuso la seduta all'indomani della sconfitta con un calo dell'11 per cento, perdendo in poche ore 162 milioni di capitalizzazione.