Si è tenuto oggi a Nyon il presunto incontro tra la Uefa e L'European Club Association (Eca), massimo organismo rappresentante dei top club europei.

L'argomento del meeting, come sostenuto nei giorni scorsi dal Wall Street Journal, sarebbe stata la strutturazione della futura Champions League. In particolare, si sarebbe discusso sulla possibilità di far giocare le partite della "Coppa dalle grandi orecchie" nel weekend a discapito delle gare di campionato, che verrebbero disputate infrasettimanalmente. 

Proprio su tale ipotesi, ha espresso la sua opinione Alberto Colombo,  vice segretario generale dell'European Leagues (organizzazione che supporta 35 campionati professionisti in 28 paesi) rilasciando delle dichiarazioni alla Press Association Sport. "Il calcio è un business conservatore e sappiamo che la passione dei tifosi è guidata dalle gare domestiche. I fan inglesi amano andare a vedere le partite della Premier League nel fine settimana e lo stesso vale per i fan di tutto il mondo. Quando in Inghilterra vai in ufficio o sei a scuola, è difficile trovare qualcuno che tifi Bayern Monaco. I tuoi colleghi supportano l'Arsenal, il Manchester United e il Liverpool. Quelle sono le rivalità di cui vogliamo parlare lunedì mattina. Sappiamo che i tifosi non appoggeranno questa idea perché amano le tradizionali rivalità tra le loro città". 

Colombo ha inoltre confermato che le leghe europee avvieranno un dialogo con la Uefa nelle prossime settimane, anche se non è stata ancora fissata alcuna data.