Giacomo Moccetti, giornalista sportivo e volto della Radiotelevisione Svizzera, ha analizzato per il sito ufficiale della Roma quelli che saranno i prossimi avversari dei giallorossi in Europa League. "Lo Young Boys ha vinto gli ultimi tre titoli dopo tanti anni di digiuno. In Svizzera ha preso il posto del Basilea. È la grande potenza del nostro calcio, anche se quest'anno non è partito molto bene ( 8 punti in 4 giornate, ndr)".

Sul dominio dei gialloneri negli ultimi campionati elvetici: "Erano parecchi anni che la società investiva, senza riuscire ad affermarsi. L'austriaco Hutter (ora all'Eintracht, ndr) è stato bravo a trovare quel qualcosa che mancava. È stata costruita una squadra molto forte fisicamente e sono stati presi dall'estero diversi giocatori di qualità, come Sulejmani e Hoarau, ex tra le altre del PSG, ora al Sion. E poi hanno pescato anche nomi meno noti, come il camerunense Nsame, il bomber: nella scorsa stagione ha segnato 32 reti in altrettante partite. E un'altra spiegazione dei successi dello Young Boys è il campo in sintetico: tante squadre non sono abituate a giocare sul sintetico. Il fattore casa è quindi molto importante per lo Young Boys. Su quel terreno, nessuno riesce a essere immediatamente al loro livello".

Sui calciatori da tenere d'occhio Moccetti non ha dubbi: "Nsame. Ma se dovesse giocare, Sulejmani è un calciatore di qualità superiore. Ha ormai vissuto i suoi anni migliori, ma può ancora fare la differenza".