La Roma affronterà in trasferta gli austriaci del Wolfsberger allo Stadion Graz-Liebenau.  La squadra austriaca infatti non potrà giocare sul proprio campo, la Lavanttal Arena, in quanto la struttura non rispetta le norme stabilite dalla Uefa (3000 posti a sedere e altri 4500 in piedi), né nello stadio di Klagenfurt, inizialmente indicato dalla società come seconda scelta, che è stato riempito di alberi in occasione dell'iniziativa "For Forest". 

Nome: Stadion Graz-Liebenau
Fondazione: 1997
Capienza: 15.400 posti a sedere
Indirizzo: Stadionplatz 1, 8010 Graz, Stiria 

L'impianto 

Lo stadio è stato progettato nel 1994 ed è stato costruito tra il 1995 e il 1997. L'opera è stata realizzata dal Team A Graz, gruppo formato da diversi architetti ed è dotata di 15.400 posti a sedere interamente coperti, suddivisi in 27 settori. Per le partite di Bundesliga, la capienza ufficiale è di 15.323 spettatori. L'impianto ha anche un settore Vip, costruito nella curva ovest ed ha 500 posti disponibili. Il terreno di gioco, che ha una dimensione di 105x72 metri, è circondato da un fossato di quasi tre metri di profondità. Lo stadio è dotato inoltre di due schermi video, quattro torri faro, con 158 proiettori che illuminano l'intero campo di gioco.  L'impianto ospita le partite casalinghe dello Sturm Graz e del Grazer AK, ma negli anni passati è stato scelto anche per alcune gare della Nazionale austriaca e per cinque finali di competizioni nazionali ( due di coppa e tre di supercoppa d'Austria). Tuttavia, lo stadio è stato tra le sedi scelte per il campionato mondiale ed europeo di football americano, rispettivamente nel 2011 e nel 2014.

La storia

Dalle ceneri del vecchio Bundesstadion Graz-Liebenau, si decise di costruire un impianto che avrebbe dovuto rispettare le norme necessarie per ospitare le gare internazionali di calcio. Il progetto prevedeva la costruzione di uno stadio da 15.000 spettatori, con parcheggi, centri commerciali, aree benessere, oltre che spazi residenziali e uffici. I lavori furono affidati al Team Graz, studio di architettura che iniziò i lavori il 9 gennaio 1995, terminati poi  nell'inverno dell'anno successivo. La struttura fu inaugurata il 9 luglio 1997 con il derby di Graz tra Sturm e Grazer AK, gara vinta 4-1 dai bianconeri. Inizialmente intitolato all'attore Arnold Schwarzenegger, nativo della regione, l'impianto cambiò nome in seguito a una controversia nata tra i politici e l'ex culturista americano che, ai tempi in cui era governatore della California nel 2005, aveva negato la grazia ad un condannato a morte, poi confermato poco dopo. Nonostante ciò, lo schieramento dei Verdi e del KPO riuscirono ad ottenere il cambio di denominazione dello stadio, che prese il nome di Stadion Graz-Liebenau. Una curiosità: Giuseppe Giannini giocò con la maglia dello Sturm Graz nella stagione 1996-97, mettendo a segno due reti in 16 presenze. 

Cosa vedere 

Nel lato nord della struttura è possibile incontrare la torre dello stadio, mentre nell'area sotto la tribuna nord si trova la parte dell'amministrazione sportiva della città austriaca, il Fan-Café, luogo di ritrovo di tutti i sostenitori dello Sturm Graz, e un'agenzia di scommesse. Oltee ai diversi uffici e alloggi all'interno della torre, al piano terra c'è il negozio ufficiale della squadra. Non è finita qui: accanto alla tribuna sud infatti, è presente lo stadio del ghiaccio Liebenau per l'Hockey. 

Il settore ospiti 

Il settore ospiti del Liebenau Stadion si trova agli ingressi 26 e 27. Lo spicchio dei tifosi ospiti può essere raggiunto con mezzi pubblici e con quelli privati. L'impianto infatti è collegato alla stazione centrale Graz Hauptbahnhof dalla linea del tram S3 (direzione Graz Stadion Liebenau Bahnhof). Con la macchina o in pullman è necessario prendere l'uscita Liebenauer della Tangenziale di Graz, percorrendo l'autostrada del Sud (Sud Autobahn). Il settore ospiti ha alle spalle un parcheggio, posto nell'area nota con il nome di Stadionplatz nelle immediate vicinanze dell'Hockey Center.