Stephan El Shaarawy ha rilasciato un'intervista al quotidiano spagnolo AS in vista della sfida tra Roma e Real Madrid di domani sera.

Sta vivendo il suo miglior inizio si stagione...
È un momento molto positivo, anche se so come nel calcio tutto cambia molto velocemente. Devo avere equilibrio e continuità, che mi sono sempre mancati.

Di Francesco ti ha aiutato così tanto?
Da quando è arrivato, mi ha dato molta fiducia. Questa era la chiave, mi fa sentire bene.

Ma Mancini ancora non l'ha convocata in Nazionale...
Non me l'aspettavo, fa male. Ho fatto quasi sempre parte del gruppo Azzurro. Proverò a guadagnarmi la prossima chiamata lavorando ancora meglio.

Ti piace la nuova Italia?
Senza dubbio: era da tanto tempo che vedevamo l'Italia giocare in quel modo.

Tu e la Roma siete simili: capaci di grandi imprese e periodi prolungati di assenza...
In entrambi i casi è un problema mentale. Se ottieni grandi cose è perché puoi farlo. Dobbiamo migliorare in questo aspetto. Io prima di chiunque altro. Posso dare molto di più.

La cresta è il tuo segno di riconoscimento. Come è successo?
Per caso, non gli ho mai dato importanza, anche se i media la adoravano. L'ho tagliata: voglio che si parli di me per altre cose (ride).

La Roma ha iniziato questa stagione in modo molto irregolare. E' stato per il cambiamento e l'arrivo di tanti nuovi giocatori?
Non ci credo. Un anno fa c'erano anche giocatori importanti e abbiamo raggiunto la semifinale di Champions. Sarà molto difficile, ma vogliamo provare a fare lo stesso.

Il Real?
Il Madrid è il Madrid, conosciamo la sua forza. Sarà una partita difficile, giocheremo con determinazione perché la qualificazione è fondamentale. E se è come prima, meglio.

Quali obiettivi hai tu e la Roma per questa stagione?
Prima di tutto, qualificarsi per gli ottavi. E in Serie A dobbiamo essere tra le prime quattro. Voglio tornare in nazionale, segnare almeno dieci gol e finalmente avere continuità. Voglio trovare il mio equilibrio, essere importante per questa squadra.

Qual è la migliore virtù di Roma?
Abbiamo giocatori molto bravi, ma i nostri migliori risultati sono venuti dal lavorare in squadra, spingendo forte e con una buona fase difensiva.

Cosa ricordi di quella vittoria contro il Barcellona?
Il fischio finale. In quel momento ho capito subito che avevamo raggiunto qualcosa di storico. Ricordo la felicità nei nostri occhi. È stato indimenticabile.

E cosa significherebbe ripetersi ora contro il Real Madrid?
Giocare una grande partita ci darebbe maggiore consapevolezza della nostra forza. È il nostro obiettivo: ce l'abbiamo già fatta con il Chelsea, con il Barcellona...

Al Bernabéu non c'è stata storia: 3-0 per Madrid...
Siamo arrivati lì con un po' di paura, ne hanno approfittato e hanno avuto molte occasioni oltre le reti che hanno segnato. Questa volta non dovremo avere quella paura.

Ti sorprende l'andamento del Real Madrid da allora?
Con la qualità che hanno, deve essere stato molto difficile inanellare così tante partite negative, ma è ancora il Real: hanno grandi giocatori, la loro forza non può essere discussa, forse mancava qualcosa a livello mentale e Solari avrebbe potuto migliorarlo.

Conte potrebbe allenare a Madrid. Lo ritiene adeguato?
Lui è un grande allenatore. In tutte le sue squadre ha affermato il suo carattere, il suo desiderio di successo, la sua fame. Ho un grande ricordo, con lui ho vissuto una bellissimo Europeo, mi ha lasciato molto.

Quanto pesa l'addio di Ronaldo sul Madrid?
È un giocatore che ha battuto tutti i record lì... Qualcosa puoi perdere, ma il Real Madrid, nonostante cambi allenatori e giocatori importanti, ha sempre lo stesso valore.

Chi dovrebbe vincere il prossimo Pallone d'oro?
Ronaldo. Sono impressionato dalla sua continuità, come quella di Messi. Quello che continua a fare nonostante la sua età è straordinario.

Ha trascorso alcuni mesi a Monaco, ha giocato con Mbappé.
Fin dal primo giorno di allenamento sono rimasto impressionato. Ricordo bene la finta che mi ha fatto, la sua velocità, la sua qualità... Se non vincerà il Pallone d'Oro quest'anno, lo farà negli anni successivi e sicuramente migliorerà molto. Ha solo 19 anni e ha già vinto un Mondiale.

In campo ha incrociato sia Cristiano che Messi. Chi la ha colpito di più?
Di Messi ricordo una partita del 2013, quando ha segnato una doppietta al Camp Nou, e la sua qualità nelle partite con poco spazio. Ha preso una palla e dal nulla la ha messa in porta. Cristiano, nel 2016, ci ha segnato un gol qui a Roma prendendo il pallone con il tacco... Sono i migliori. Dirne uno è complicato.

Quale giocatore di questo Madrid ammiri di più?
Modric. Per la sua qualità, la gara che ha fatto e la Coppa del Mondo ha giocato. Guida il gioco del Real, mi piace molto.

Sergio Ramos è duro come può sembrare?
Ogni difensore deve farsi sentire fisicamente, non lo vedo diversamente dall'Italia. Ha vinto tutto, ha segnato molti gol... È molto completo.

È stato un compagno di Totti, una leggenda...
Era una delle poche persone con cui all'inizio mi sentivo in imbarazzo a parlare. Hai la sensazione di essere vicino a un monumento. È stato un onore.

Come va con Monchi?
Cerca un sacco di dialogo con tutti. Quando i risultati arrivano, tutto è più facile, quindi speriamo di raggiungerli in modo che possa essere calmo (ride).