A Milano in mille e duecento, nonostante tutto. Ancora poche ore d'attesa e i romanisti potranno prendere finalmente posto nel terzo anello blu di San Siro. Un settore ospiti la cui vendita, dopo l'iniziale sospensione, non è stata caratterizzata soltanto dall'assenza della modalità di acquisto online - al netto della presenza della stessa nel comunicato diramato dal club nerazzurro. Nella mattinata di ieri infatti, presso le ricevitorie abilitate del circuito Vivaticket, molti tifosi sono stati costretti a fare dietrofont a causa della indisponibilità dei tagliandi. Non per un improvviso tutto esaurito, considerando la capienza superiore alle 5.500 unità, ma per un problema tecnico risolto soltanto a due ore dalla chiusura ufficiale. Problematiche già presentatesi nel corso della stagione, in particolar modo in occasione di trasferte "libere", ovvero quelle senza l'obbligo di presentare al momento dell'acquisto una tessera di fidelizzazione. Il fallimento del progetto "Tessera del tifoso", con la Roma che per prima aggirò tale strumento con la creazione della Card Away, aveva portato due estati or sono le Istituzioni preposte ad un documento noto come "Protocollo d'Intesa" che, teoricamente, avrebbe dovuto comportare "modalità più dirette e snelle per favorire l'accesso e la partecipazione alle gare, anche semplificando le procedure di acquisto dei biglietti".

Un passo che, pensando alla discussa vendita sulla quale è calato il sipario alle ore 19 di ieri, potrebbe suonare a dir poco controverso alle orecchie dei tanti romanisti a cui è stato reso ben più complesso l'acquisto dei tagliandi per il terzo anello blu. A Milano questa sera saranno in mille duecento e anche questa volta il "malgrado tutto" di un noto striscione sembra calzare a pennello. Fede, volontà e traguardo: tre parole legate da un filo invisibile, pronte ad unirsi questa sera nel settore dedicato di San Siro. Lo spicchio più lontano dal terreno di gioco, ma comunque vicino alla Roma. Anzi, vicini alla loro Roma che avrà bisogno di sentire il canto d'amore dei suoi romanisti in un impianto che farà registrare circa 60mila spettatori. Chi con mezzi privati chi viaggiando su rotaie, con il desiderio di intraprendere un nuovo, ennesimo viaggio per tenere in alto i nostri colori. In casa e ancora di più in trasferta. Mille e duecento romanisti pronti a sfidare a colpi di voce la tifoseria interista. Per spingere la Roma al terzo successo consecutivo in campionato e con la speranza di poter far rientro a casa, chi nel cuore della notte chi nella domenica di festa, con tre punti nelle tasche.