Jurgen Klopp ha parlato in conferenza stampa alla vigilia di Liverpool-Roma.

Salah miglior giocatore dell'anno, cosa ne pensa?
E' fantastico, sono veramente felice per lui è un riconoscimento importantissimo, ma la stagione non è ancora finita. Credo che sia molto meritato".

Per lui sarà strano incontrare la sua ex squadra?
Nel calcio è una cosa normale. Allenatori e calciatori cambiano squadra. Ho provato qualcosa di simile quando ho incontrato il Borussia Dortmund e debbo dire che è una sensazione speciale".

Cosa vuole dire a chi dice che è strano vedere Liverpool e Roma in semifinale?
Che non mi interessa perché tutte e due le squadre hanno assolutamente meritato di essere qui. Quando mi hanno detto che la Roma aveva battuto 3-0 il Barcellona non ci credevo. Ci sono squadre che dominano i campionati in Italia e Inghilterra, come Juve e City. Il nostro percorso è stato difficile è già la seconda volta che gioco una semifinale. Rispetto molto la Roma e ammiro Di Francesco. Non vedo l'ora di giocare e fare di tutto per raggiungere la finale.

Somiglianze con Di Francesco?
Abbiamo tutti e due gli occhiali, ma lui è molto più in forma di me (ride, ndr). Veniamo tutti e due da piccole squadre e abbiamo iniziato ad ottenere soddisfazioni piano piano. Non so se ci sono molte similitudini nello stile di gioco, ma come me lui fa giocare un ottimo calcio alla sua squadra e mi piace molto questa cosa. E' ben organizzato e questo renderà le due partite ancora più difficili. Io in Italia? Non so se sia il caso, l'unica cosa che riuscirei a chiedere sarebbe un piatto di spaghetti al ristorante. Penso di rimanere qui per altri 4 anni.

Dopo il Barcellona ha una percezione diversa della Roma?
No perché conosco bene il calcio italiano e non sono sorpreso. Conosco Dzeko da quando giocava in Germania. La sorpresa è stato il 3-0 dopo l'andata, ma è fantastico che una rimonta simile sia accaduta. Nonostante i tanti cambi, hanno vinto ugualmente l'ultima partita grazie ad un gruppo e una rosa forte. Hanno giocatori forti in attacco come Dzeko, Under, Schick, El Shaarawy e poi tutta gente con esperienza. Non siamo abituati a giocare partite di questo tipo, sarà un'occasione fantastica per tutti e due. Da quando sono qui a Liverpool non devo chiedere nulla ai nostri tifosi, anzi, hanno più esperienza loro di noi in queste partite. Ci sarà un ambiente fantastico fuori e dentro lo stadio".

In caso di finale, sareste la prima squadra inglese a raggiungerla dopo sei anni di assenza?
Lo facciamo in primo luogo per Liverpool, ma non mi piace fare questi discorsi. Pensiamo prima a queste due partite.

Il tecnico dei Reds ha parlato anche ai microfoni di Mediaset Premium: "Sono entusiasta ed emozionato per la gara di domani sera. Abbiamo fatto delle grandi cose per raggiungere la semifinale. Sfida Dzeko-Salah? No, è innanzitutto Liverpool-Roma: il calcio si gioca undici contro undici. Abbiamo grande rispetto per la Roma e per il lavoro fatto da Di Francesco. Anche io sono rimasto molto sorpreso dall'impresa dei giallorossi contro il Barcellona, di cui sono venuto a conoscenza al termine della nostra gara contro il Manchester City"