Indicato dagli addetti ai lavori come terzo incomodo nel gruppo di Manchester City e Napoli, lo Shakhtar Donetsk ha costruito buona parte delle sue fortune sulla vittoria casalinga contro gli uomini di Maurizio Sarri nella gara di andata. Come da tradizione ormai pluriennale, il vero punto di forza del club è rappresentato dalla folta colonia sudamericana. Bernard, Facundo Ferreyra, Marlos e Taison sono stati dei protagonisti importanti del miracolo Shakhtar, con la forte compartecipazione di Paulo Fonseca. L'ex allenatore del Braga ha saputo amalgamare alla perfezione estro e senso tattico, utilizzando un 4-2-3-1 abbastanza equilibrato e rivitalizzando calciatori che negli ultimi anni avevano smarrito lo smalto dei tempi passati. L'ex Atletico Mineiro Bernard, ad esempio, ha già segnato più gol rispetto all'intera scorsa stagione, quando il suo score complessivo si fermò ad appena sette reti.

Primo in campionato con quattro punti di vantaggio sulla Dinamo Kiev, lo Shakhtar arriverà agli ottavi dopo la lunga sosta della Preimer League, che si fermerà dal 10 dicembre al 17 febbraio. L'ultimo precedente contro gli ucraini non evoca certo bei ricordi nella mente di tutti i tifosi romanisti. Sconfitta per 2-3 in casa con Claudio Ranieri in panchina, la Roma di Montella perse anche il ritorno per 3-0. Meglio riavvolgere il nastro, allora, fino al 12 settembre del 2006, quando il 4-0 finale portò anche la firma di Totti con uno splendido sinistro sotto l'incrocio e di Daniele De Rossi su colpo di testa. Un'avversaria, lo Shakthar, di certo inferiore tecnicamente: ma l'inverno Ucraino non è clemente.

L'ALLENATORE: PAULO FONSECA

Il tecnico portoghese è alla sua prima esperienza fuori dal suo paese di nascita. L'anno scorso, alla sua prima stagione in Ucraina, ha vinto campionato e coppa.

LA STELLA: BERNARD DUARTE

Il brasiliano può giocare sia ala sia trequartista ed è dotato di grande tecnica. La sua abilità principale è negli assist e nei calci piazzati.

Città: Donetsk
(gioca a Charkiv)
Fondazione: 1936
Posizione in classifica: 1°
Ultima con la Roma:
9/3/2011, ottavi di Champions League, 3-0 per lo Shakhtar
Stadio: Metalist Stadium (temporaneamente)
Capienza: 41.411
Formazione tipo: Pyatov; Butko, Ordec, Rakitskiy, Ismaily; Fred, Stepanenko; Marlos, Taison, Bernard; Ferreyra
Palmares: 10 campionati ucraini, 11 Coppe d'Ucraina, 8 Supercoppe d'Ucraina, 4 Coppe sovietiche, 1 Supercoppa sovietica