Elio Capradossi ha parlato del suo esordio al termine di Cagliari-Roma.

Capradossi a Sky Sport

Raccontaci l'esordio improvviso.
"Buonasera a tutti. Sicuramente è stata una grande emozione, Di Francesco mi ha detto di entrare perché Manolas non stava bene. Sono molto contento".

Cosa ti  hanno detto i compagni?
"Mi hanno incoraggiato, dicendomi che sono forte e che dovevo giocare tranquillo".

Domenica sera ci sarà Higuain...
"C'è tempo per pensarci, ora mi godo il momento".

Ci puoi stare in questo calcio?
"Ci sono differenze con la serie B, mi sono allenato molto per essere pronto. Da qui in poi non so, sicuramente continuerò a impegnarmi e mi godo la partita che è andata bene".

Capradossi a Mediaset

Il tuo primo pensiero
"Grande emozione non ci credevo, essendo della Roma è sempre stato il mio sogno. Ero molto emozionato"

Merito della mentalità di squadra che ti ha dato sicurezza?
"L'allenatore mi ha sempre aiutato e mi ha detto di tenermi pronto perché il mio momento sarebbe arrivato".

Hai già acceso il telefono? Chi ti ha scritto?
"Il primo è stato mio padre, che compie gli anni e che era molto contento".

Capradossi a o Roma Tv

La prima cosa che hai pensato.
"Un'emozione enorme, ho pensato a tantissime cose. E' stato il mio sogno del cassetto, ho sempre sognato di esordire con questa maglia perché sono cresciuto a Roma e sono della Roma". 

Cosa ti hanno detto i compagni?
"Mi hanno aiutato e spronato, ognuno mi ha detto una parola di incitamento. Mi hanno aiutato dal primo all'ultimo minuto che ho giocato. Sono riuscito a rendere anche grazie a tutti loro".

Ti trovi meglio al centro-destra o centro-sinistra? E sei mancino o destro?
"Sono destro, ma a Bari ho giocato spesso a sinistra, mi trovo abbastanza bene in tutti e due le posizioni".