Le perfette soluzioni cercate e trovate dalla nazionale azzurra grazie alle continue rotazioni di interni ed esterni:

3) Con Jorginho in conduzione di pallone centralmente e le linee avversarie molto basse, Acerbi va ad allargarsi a sinistra per fare da appoggio all'azione offensiva. Spinazzola adegua immediatamente il suo movimento.

4) Con Insigne che viene incontro (invitato da Jorginho a ricevere il pallone), Acerbi prende posizione esterna, così Spinazzola va tra le linee avversarie ma occupando una zona centrale. Locatelli si ferma accanto a Jorginho: sarà lui a ricevere lo scarico

5) Locatelli nota subito la posizione invitante di Spinazzola e lo serve con un lungo e preciso passaggio verticale. Ora il terzino deve gestire il pallone spalle alla porta con la pressione degli avversari.

6) Ma per uno come lui non è un problema. Infatti il controllo è perfetto, la pressione è blanda e lui può girarsi e controllare la situazione. Sullo sviluppo è decisivo il taglio interno di Pessina (abituato anche nell'Atalanta a questo tipo di movimento senza palla) che attira l'attenzione dei difendenti svizzeri. Così Chiesa (fuori dall'immagine) può attaccare lo spazio lasciato libero da Alaba che sta guardando Pessina e ricevere l'assist perfetto di Spinazzola per il gol che ha spaccato la partita

7) Ma il contributo dell'esterno romanista non si limita alla fase offensiva: qui siamo nel corso dell'ottavo minuto del primo tempo supplementare, con l'Italia appena andata in vantaggio proprio su suo assist a Chiesa. Schlager riceve il pallone nel cerchio di centrocampo, Spinazzola (cerchio blu) controlla in ripiego.

8) L'austriaco si libera della pressione di Pessina e Jorginho e punta dritto la difesa rimasta un po' scoperta (non c'è Acerbi), per un potenziale 3 contro 2.

9) Arrivato quasi al limite Schlager approfitta della postura "chiusa" di Bonucci e serve il pallone in diagonale verso Kalajdzic, su cui sta provando a recuperare Spinazzola.

10) Il recupero di Spinazzola è prodigioso, con l'ultimo scatto riguadagna la posizione "davanti" al centravanti austriaco e gli porta via il pallone senza spazzare via, con una leggerezza stupefacente.