L'INTERVISTA

Roma Club Dublino: "Crediamo in Mourinho. Conference? Schizzava birra ovunque"

"Lo Special One lo scorso anno è stato divino e dobbiamo seguirlo Le emozioni del trionfo a Tirana non penso che le dimenticheremo mai"

Un’immagine di alcuni membri del Roma Club Dublino nel loro pub di “adozione” nel cuore dell’Irlanda, con  il classico striscione che portano anche allo Stadio Olimpico

Un’immagine di alcuni membri del Roma Club Dublino nel loro pub di “adozione” nel cuore dell’Irlanda, con il classico striscione che portano anche allo Stadio Olimpico

Greta Rinaldi
30 Giugno 2022 - 11:23

Questa è l'estate dei romanisti e della gioia infinita per il trionfo in Conference League. I tifosi giallorossi ovviamente, non sono solo nella Capitale ma in giro per il mondo e in ogni angolo del globo hanno vissuto la notte di Tirana in modo diverso. Il presidente del Roma Club Dublino ci ha raccontato come l'hanno vissuta i tifosi romanisti dall'Irlanda, partendo con un po' di storia del loro gruppo nato nel 2014.

Perché fondare un Roma Club a Dublino?
"È stata un'idea nata in estate, quando il campionato stava per iniziare. In fondo, i romanisti in Irlanda, particolarmente a Dublino, sono sempre stati piuttosto numerosi, c'è chi guarda le partite nei pub, chi è a casa con gli amici, chi ha abbonamenti alle pay-tv. Insomma siamo in tanti, ma tutti erano in qualche modo indipendenti finché non mi è venuta l'idea di sviluppare questo progetto per riunire tutti e tifare per la Roma sotto lo stesso tetto. Ho preso accordi con un pub dove abbiamo negoziato sconti per i membri, quindi siamo partiti da lì e ora siamo davvero in tanti. Siamo sempre stati circa 70-80 membri (pre-pandemia) con gli irlandesi che sono, di solito, con noi tutto il tempo a guardare le partite anche durante le trasferte. Seguiamo praticamente ovunque la squadra e quando possiamo, andiamo all'Olimpico con uno striscione dedicato. Con noi sono anche circa 15 irlandesi che sono molto attivi e ormai vanno a Roma anche da soli, sono parte integrante del nostro progetto. Facciamo diverse iniziative anche fuori dal club: tornei di calcio, serate sociali e anche beneficenza. Lavoriamo più che possiamo perché questo è un club gestito solo da cinque persone: io, che sono il presidente, e altri quattro dipendenti. Ci dividiamo i compiti e cerchiamo di portare a termine i progetti nel nostro piccolo, pur cercando di non prenderci troppo sul serio e contando sul fatto che siamo tutti una grande famiglia, come dice José Mourinho. Ci piace stare insieme e divertirci. L'importante è stare insieme e tifare per la Roma".

Dov'eri quando hai visto la finale di Conference? Ci sono stati particolari festeggiamenti?
"Sfortunatamente, non siamo riusciti ad andare a Tirana perché non abbiamo trovato i biglietti. Siamo rimasti molto delusi perché avevamo già prenotato l'hotel e l'aereo, quindi abbiamo dovuto cancellare tutto con grande rabbia. Anche stando qui a Dublino però è stata una serata indimenticabile con così tanti fan, inclusi quelli irlandesi, che hanno assistito alla partita al club. Anche i non membri stavano guardando la partita. Ci sono stati applausi incessanti per 90', birra che schizzava dappertutto e ci sono state celebrazioni sia nel pub che all'esterno. Finiti i festeggiamenti all'interno del pub, che sono durati parecchio, ci siamo riversati tutti in strada, abbiamo fatto una mini processione in un altro pub e lì abbiamo passato tutta la notte. È stata una cosa eccezionale perché erano passati oltre 60 anni da quando avevamo vinto un trofeo internazionale. Ci ha dato un orgoglio in più e una sensazione che non provavamo da molto tempo, quindi siamo tutti impazziti di gioia. In effetti, credo sia un'emozione che porteremo con noi per molto tempo".

Cosa ne pensi di Mourinho?
"Guarda, non ho parole. Ci sono state polemiche all'interno dei club e con i tifosi quando la squadra non stava andando molto bene. C'erano anche quelli che hanno osato dire che Mourinho non era il profilo giusto per questo tipo di lavoro. Io ho sempre detto che era l'unico che poteva portarci ad un livello più alto, che dovevamo avere pazienza, che è un allenatore di una certa caratura che ha vinto tanto e che noi romanisti non possiamo permetterci di criticarlo. Dovevamo soltanto avere fiducia. Se guardiamo al quadro più ampio, vediamo che un allenatore, che è qui da un anno, ha portato a casa un trofeo che gli è mancato da tutta la vita, quindi lode al divino José. Lui è uno di noi e lo ha dimostrato anche con tanti gesti. Lui stesso ha detto che vincere a Roma è un'altra cosa, ha un altro sapore. Vincere la Coppa dei Campioni con il Real Madrid, con il Chelsea non è la stessa cosa perché sono squadre fatte per vincere. È un grande, per competenza e umanità. Credo che continueremo a vedere delle cose buone perché penso che la Roma crescerà tanto con José Mourinho".

Qual è il giocatore più apprezzato della scorsa stagione?
"Lorenzo Pellegrini è il nostro leader in campo. È l'erede naturale di Totti, anche se chiaramente non possiamo ancora paragonarlo, ma spero che prima o poi potremo farlo. Inoltre, sono stato contento della stagione di Smalling: ha mostrato che in difesa è al comando, lui è una sicurezza. La sorpresa poi che è stato un altro colpo di Josè Mourinho, ovvero Zalewski. Questo perché è stato in panchina da agosto a gennaio, come tutti i giovani, fino a quando Mourinho lo ha messo in campo dimostrando che questo ragazzo ha un grande talento. Non mi aspettavo che fosse così forte".

Cosa significa per te essere presidente del tuo club Roma? Vi sentite vicini alla squadra?
"Penso che chi vive all'estero si senta ancora più vicino alla città e alla squadra. È come quando ti alzi la mattina e hai il Colosseo davanti a te, non ci fai nemmeno più caso perché lì ci sei nato e ci sei abituato. Quando sei all'estero e ci ritorni sei pieno di orgoglio. La stessa cosa vale per la squadra. Questa distanza ci fa sentire ancora più vicini alla squadra, alla maglia, ai colori e alla citt. Per quanto riguarda essere il presidente di questo club, è un grande orgoglio perché è stata una mia idea, ma senza i tifosi non ci sarebbe il club, quindi sono grato a chi ha creduto in questo progetto. La grande soddisfazione arriva quando i tifosi vengono a trovarmi anche da Roma e magari si fermano a guardare la partita. Quando le persone mi ringraziano perché con noi possono guardare la partita in un ambiente che fa sembrare di essere a Roma mi dà grande piacere".

Cosa ti aspetti dalla squadra la prossima stagione e dal mercato estivo?
"Mi aspetto che le parole di Mourinho pesino molto sulle scelte, perché quest'anno il mercato forse sarà ancora più importante del solito e per me è importante che con Tiago Pinto ci sia grande sinergia perché lo Special One sa come gestire queste situazioni, come portare la squadra al top e farla restare in alto. Mourinho ha pianificato tutto nei minimi dettagli. Mi fido di quello che fa Josè, nel senso che, qualunque cosa faccia, lo sosterrò sempre, anche se dovesse essere qualcosa che mi dispiacerebbe vedere. Tuttavia, se ritiene opportuno e necessario fare sacrifici, io sono con JM. Spero che ottenga presto quegli elementi che ritiene necessari per fare il salto di qualità. Stanno lavorando tanto sul centrocampo, ma mi aspetto anche un difensore centrale e un attaccante per accrescere il livello della rosa. Non mi sorprenderei neanche se arrivassero anche degli acquisti 'minori'".

© RIPRODUZIONE RISERVATA