Domani a che ora se saremmo visti a Piazza Mancini? Con quell'atmosfera magica de serate der genere, in cui l'arivo de ‘a primavera te lo senti addosso come er peso de ‘e attese de partite der genere. Cor sole che cala lento e se porta appresso i sogni de tutti noi che ‘sta squadra l'amamo, soprattutto quanno perde, ma nun penseremmo mai de lascialla da sola pure quanno vince. Jé stamo accanto nei pomeriggi banali come ne ‘e partite da ricordasse pe' sempre e quella de domani nun c'avemo voja de dimenticaccela. Pe' quello doveva inizia' a Piazza Mancini.

Come sempre. Lì dove le famije fanno ‘a fila pe' ‘n pezzo de pizza, coi ragazzini che nun la smettono de sventola' ‘e bandiere. Lì dove i ragazzi se mischiano tra de loro fori l'alimentari e i baretti co' le bire in mano a condividese l'attese, ‘e paure, ‘e speranze e pure la voja de entra' prima pe' fasse travolge dai boati loro. Lì dove i parcheggi se ‘nventano, dove i fischi dei vigili se confonnono co' quelli de chi se riconosce e pe' chiamasse, ‘n mezzo a tanta gente, nun c'ha artre arternative.

Ce passano tutti a Piazza Mancini prima de anna' a ‘o stadio. Fosse anche solo pe' vede' ‘o striscione dei Fedayn che campeggia sur muro der carcetto, ‘nsensibile alla puzza dei panini su ‘e piastre sporche come ‘a coscienza de chi a sta squadra ha smesso de voleje bene per segui' quattro chiacchieroni a ‘e radio. Io che te posso da' de più, Roma? Dimmelo. Più de ‘a voce mia, de' i sarti mortali pe essece ogni vorta, de ‘e ferie annullate, de ‘e rinunce, ‘e corse…ma nun te confonne: nun li chiama' sacrifici. Perché nun c'è stata ‘na vorta che tutto questo nun l'ho fatto cor soriso su ‘e labbra…come l'innamorato che core da ‘a persona speciale sua.

Che se diluviasse…io, co' l'ombrello mio, proteggerei te. E, allora, domani portace ‘n campo…tutti. Dacce ‘a sensazione de core co' le gambe nostre, de buttalla dentro co' ‘sti piedi, de contrasta' chiunque co' la voja che ognuno de noi c'avrebbe messo ar posto tuo, er posto nostro. Lì, in campo. Dove t'avremmo voluto spigne er vento a ‘e spalle come se fa' co ‘e cose a cui se vole bene e nun poi pensa' che nun possano faccela. Dopo esse passati pe' Piazza Mancini.