Ieri è stato il turno degli infortunati al "Fulvio Bernardini": il ritorno di Ibanez, Fazio, Mirante e Ünder era stato programmato in anticipo per verificarne le condizioni. Nessuno di loro sarà però schierato nella partita di domani con la Fiorentina.

Si ritrova invece oggi a Trigoria il resto della squadra dopo i due giorni di riposo concessi da Fonseca al termine della goleada di Ferrara rifilata alla Spal. Una sosta necessaria a ricaricare le batterie dei giocatori in vista del rush finale di campionato e poi della sfida contro il Siviglia in Europa League, sperando che rappresenti solo l'inizio di un percorso da concludere il più lontano possibile.

Nel frattempo però c'è da affrontare la partita con i viola (privi di Castrovilli squalificato). Rispetto all'ultimo turno rientreranno senz'altro Dzeko, Mkhitaryan e Veretout, lasciati in panchina al Mazza dopo aver fatto gli straordinari nei precedenti impegni. Capitan Edin prenderà il posto di Kalinic, uno dei tanti ex di giornata, e al tempo stesso cercherà di riprendere la sua corsa verso il podio dei bomber romanisti, distante sei lunghezze.

Chi è stato importante in viola e si sta dimostrando fondamentale nella Capitale è il centrocampista francese, che ritroverà il suo posto in mediana. Accanto a lui uno dei due ballottaggi di giornata, dando per scontato che esterni e difensori saranno confermati in blocco: Diawara (che è diffidato) o Cristante, che si è ben comportato nei match più recenti.

L'altro dubbio di formazione riguarda il trequartista che affiancherà Micki: Pellegrini è stato difeso a spada tratta dal tecnico, ma non si è mai fermato. E Perez a Ferrara è sembrato in palla.