Dopo due sconfitte di fila, il clamoroso 5-3 subito dal Sassuolo al Tre Fontane, e il 3-1 di Madrid con il Real in Youth League, la Roma Primavera cercherà il primo risultato utile della stagione al Franco Ossola di Varese, sede scelta dal Milan per le gare interne della Primavera, per lasciare il "Peppino Vismara" alla squadra femminile: calcio d'inizio alle 11, diretta su Roma Tv.

«Chiaramente, come lo staff, nemmeno i ragazzi sono contenti di questo momento - ha spiegato Alberto De Rossi a Roma Tv - e in particolare di quanto abbiamo raccolto rispetto ai nostri meriti. Con il Sassuolo abbiamo mollato ma la squadra era entrata in partita velocemente, l'approccio era stato perfetto». E infatti dopo 27' la Roma era sul 3-0, e sembrava in grado di portare a casa una vittoria in goleada: Morrone si è giocato due cambi già nel primo tempo - da quest'anno il regolamento ne consente cinque - e il suo Sassuolo è andato al riposo sotto di un solo gol, trovandone tre nel corso di una ripresa in cui la Roma sembrava incapace di reagire.

«Ci sono stati errori individuali e uno scoramento inaspettato che ci ha portato a fare una delle partite più brutte da quando alleno - continua De Rossi - a Madrid c'è stata una buona partita, il valore dell'avversario ha fatto il resto. Ho visto una squadra arrabbiata e questo dimostra tutto. Il Milan è un'ottima squadra e conta questo, le altre considerazioni non sono determinanti. Dobbiamo concentrarci sulla forza di questa squadra, hanno giocatori di talento. A Napoli (sconfitta 1-0, nella prima giornata, ndr) meritavano forse di più, speriamo di vincere anche noi».

Un solo titolare assente

Rispetto alla trasferta di Madrid - a cui avevano preso parte solamente 20 giocatori, con la lista a 18 - tornano tra i convocati Santese e Silipo, prima chiamata per il 2002 Mory Bamba, due partite e due gol con l'Under 17 in questo avvio di stagione. Mancherà Celar, espulso contro il Sassuolo, al suo posto dovrebbe giocare Bucri, vista la pessima riuscita dell'esperimento Besuijen falso nueve, a Madrid. Ancora fuori il belga Masangu, che sta recuperando da un problema muscolare, oltre ai lungodegenti Chierico e Sdaigui: tutti centrocampisti, ma in mezzo al campo De Rossi ha molte alternative, a partire da Riccardi, Pezzella e Marcucci, fino a Simonetti, subentrato bene a Madrid, o a Jean Freddi Greco, terzino o mediano. Tra i pali conferma per l'altro Greco, Stefano. Nel Milan di Lupi Maldini jr partirà nuovamente dalla panchina.