Fa ancora rumore la tragedia che ha sconvolto il mondo del calcio italiano con la morte di Daniel Guerini, diciannovenne giocatore della Lazio Primavera scomparso a causa di un incidente stradale sulla Palmiro Togliatti. Michela, mamma di Daniel, ha rilasciato un'intervista a Il Messaggero. Di seguito, alcuni passaggi: "La vita mi ha messo di fronte tante prove, ma non credevo mai mi togliesse un figlio". 

Suo figlio era tornato a Roma da pochi mesi per giocare nella Primavera della Lazio.
"Era felice, perché era tornato a casa dopo anni passati in giro per l'Italia. La sua squadra del cuore gli aveva fatto un contratto di tre anni dopo che fin da quando era piccolino tirava calci al pallone. Ha giocato con la giovanile della Fiorentina e poi ancora con quella del Torino. Daniel era un campione con il suo sinistro e non lo dico perché era mio figlio. Noi l'abbiamo sempre seguito in tutti i campi su cui ha giocato, siamo finiti perfino in Romania e poi in Germania". 

Sul carattere di Daniel.
"Tutti lo amavano e vorrei tanto che il funerale fosse all'aperto, su un campo di calcio, con tanti palloncini bianchi e celesti, con l'inno della Lazio che era la sua seconda famiglia. Lo avevano già preso prima di adesso, poi c'era stata la partentesi nelle altre squadre, ma ora era finalmente tornato. Non se ne doveva più andare e invece me l'hanno portato via".