Giovanili

Vittorie per l'U14 e l'U16. Cassano, gol azzurro

I 2007 espugnano Salerno (dove pareggia l’U15), goleada dei 2009. Il Primavera segna con l’Italia U20 (su assist di Satriano): "Un onore i paragoni con Antonio"

Claudio Cassano con l'Under 20

Claudio Cassano con l'Under 20 (GETTY IMAGES)

22 Novembre 2022 - 15:00

Fine settimana più  che positivo per il settore giovanile della Roma, anche se non è arrivato il 4 su 4: oltre al 4-2 dell’Under 17 sul Bari (di cui vi abbiamo parlato ieri) sono arrivate le vittorie 2-1 dell’Under 16 a Salerno, e il comodo 4-0 dell’Under 14 Pro, a Trigoria contro il Pescara. E ieri è arrivata un’altra gran bella notizia: l’esordio in azzurro di Satriano e Cassano, che hanno anche costruito il gol della vittoria dell’Under 20, contro la Repubblica Ceka (assist del centravanti, tocco vincente del fantasista).

Under 16

Terza vittoria consecutiva per i 2007 di Falsini, dopo il ko del 23 ottobre a Bari: a Salerno sblocca il risultato dopo 16’ un tiro dal limite di della mezzala Panico, deviato da un difensore, dalla distanza anche il raddoppio, al 5’ della ripresa, una conclusione all’angolino di Belmonte, schierato trequartista alle spalle di Morucci e Cinti. Quattro minuti dopo Chetti si procura un rigore, e Migliore lo trasforma.

Under 15

Due ore prima, sempre al “Vincenzo Volpe”, la Roma Under 15 era stata fermati sul pari dalla Salernitana, che in classifica mantiene soli 3 punti di distacco: vantaggio giallorosso col centravanti Vella, bravo a sfruttare un errore in impostazione dei padroni di casa, pari quasi immediato di Vacca, con una punizione da posizione angolata.

Under 14

Tutto facile per i 2009 di Andrea Conti, contro il Pescara dell’ex giallorosso Mauro Esposito: due gol per tempo, 4-0 finale. Il primo arriva presto: al 5’ il portiere del Pescara anticipa in uscita Galieti, ma due minuti dopo l’uscita del numero 1 abruzzese, su cross da sinistra di Taddei, è decisamente meno efficace, la palla sfila, proprio Galieti ci mette il piede, e spinge in rete. Un minuto dopo palla per Zekaj sulla destra: il numero 7 giallorosso rientra saltando tre avversari, e poi indovina un preciso pallone filtrante per Bonanno, che solo davanti al portiere si vede respingere la conclusione. Errore evidente, che il numero 11 si fa perdonare al 13’, arrivando di gran carriera sul bel cross dal fondo di Dal Bon, e calciandolo in porta, per il 2-0. Al 16’ lancio lungo per il centravanti del Pescara Di Marcelllo, che scatta sul filo del fuorigioco, ma da ottima posizione calcia debolmente, respinge Bouaskar: 6’ dopo ci riprova, cerca di piazzarla, ma manda fuori sul secondo palo. Al 32’ Tenaglia ci prova due volte, trovando per due volte pronto il portiere giallorosso, due minuti dopo, su un angolo battuto corto, ci prova da fuori il terzino destro dalla Roma Carlone: stop e tiro con il sinistro, un paio di compagni provano invano la deviazione in scivolata, la conclusione è ben indirizzata e anche senza deviazioni mette paura al portiere, mancando di poco il palo. Un minuto di recupero, ci prova anche Rialti, destro di controbalzo dal limite, palla fuori non di molto. Al 5’ della ripresa, al termine di una lunga azione manovrata, avviata dal solito Di Marcello, D’Angelo dribbla il portiere e poi manca incredibilmente la porta vuota. Coletta si libera bene sulla trequarti e calcia di destro, mancando di poco il bersaglio, sul fronte opposto Di Marcello fa ammonire Coletta, e sugli sviluppi della punizione bel tiro di prima intenzione di Servalli, dritto all’incrocio, e intervento eccellente dell’altissimo numero 1 giallorosso Bouaskar, che allunga la mano e salva la porta. Poco dopo arriva il 3-0: ottimo spunto sulla sinistra di Taddei, che arriva sul fondo e mette in mezzo un preciso cross, proprio sulla testa di Ndao che, subentrato a Galieti, non deve sforzarsi più di tanto per deviare a fil di palo. Al 28’ lo scatenato numero 3 arriva di nuovo sulla linea e mette in mezzo: colpo di testa di Zekaj, che fa tremare la travera, vicino all’incrocio. Al 70’ cross di Strata dal fondo, e colpo di testa di Milocco, palla a lato, da buona posizione, così, 4’ dopo, al termine del recupero, Strata decide di fare tutto da solo, avanza e calcia in posta di sinistro, calando il poker.

Italia Under 20

Le ultime soddisfazioni sono arrivate ieri, con il gol (decisivo) all’esordio di Claudio Cassano, con la maglia dell’Italia Under 20, impegnata a Sassuolo contro la Repubblica Ceca, battuta 2-1 nella quarta gara del torneo “8 Nazioni”. L’attaccante esterno della Roma Primavera era alla prima presenza in assoluto con le nazionali giovanili, come il compagno di reparto Antonio Satriano, con cui ha triangolato al 43’ della ripresa, prima di battere il portiere in uscita con un bellissimo tocco sotto, di prima intenzione. La squadra di Nunziata – che ha appena perso Volpato, promosso in Under 21 (ha debuttato sabato, contro la Germania ad Ancona) – si era portata in vantaggio dopo 15’ con un colpo di testa di Ambrosino (Como, in prestito dal Napoli), e aveva subìto il pareggio di Jurasek al 22’ della ripresa. Tre i romanisti in campo, tutti a gara in corso: dopo l’intervallo erano entrati Faticanti e Satriano, al posto di Degl’Innocenti e Montevago, un minuto dopo l’1-1 è stato buttato dentro anche Cassano, che si è andato a piazzare sulla trequarti, al posto dell’empolese Fazzini. «È stato un bellissimo esordio, la partita stava andando così e così – ha dichiarato il 19enne pugliese ai microfoni di Raisport – ho sfruttato nel migliore dei modi l’occasione avuta dal mister. Con Satriano ci troviamo molto bene, ringrazio mister Guidi che con la Roma Primavera ci fa giocare molto bene. Il cognome? È da quando sono bambino che mi accostano sempre ad Antonio, ci sono abituato, e lo considero un onore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags: