Ha sofferto più del previsto la Roma Under 17 contro il Cosenza, all'esordio in casa: la squadra calabrese, contrariamente alla maggior parte delle avversarie di B che vengono a Trigoria, se l'è giocata fino alla fine, provando qualche sortita offensiva, e incassando il gol del 2-0 solamente al 95'. Ciaralli, che all'esordio aveva vinto 2-0 ad Ascoli, lancia dal primo minuto il brasiliano Joao Costa, ex Corinthians, fresco di tesseramento: seconda punta, al fianco di Bolzan. Che al 10' potrebbe sbloccare la gara su rigore, concesso per un fallo di Sommario su Graziani, ma Iovine para. E a quel punto capitan Graziani decide di fare tutto da solo, portando in vantaggio la Roma con un bel destro da fuori. Al 18' prova a farsi vedere il Cosenza, con un paio di angoli, poi Chisari, numero 10 tascabile ma bravo, batte una punizione da trequarti, blocca il 2006 De Franceschi. Poche occasioni, Joao Costa si vede poco: al 27' il centrale Occhiuto gli rinvia addosso, e la palla si dirige verso la porta, para Iovino. Che, poco dopo si lascia sfuggire un destro da fuori di Rozzi: Bolzan si avventa sul pallone, ma il portiere riesce a metterci una pezza, poi respinge un sinistro in diagonale di De Angelis. In chiusura di tempo si comincia a vedere Joao Costa: prima non inquadra la porta, servito da un bel filtrante di Rozzi, poi prova a liberarsi sulla destra per il cross basso, deviato in angolo dal portiere. Nel recupero angolo di Rozzi, Ienco va a colpire di testa, para Iovino. Dopo 4' di ripresa De Angelis serve Bolzan che mette in rete di sinistro, ma era fuorigioco. Poi Joao Costa salta due avversari sulla trequarti e lancia in verticale, ma Bolzan non aveva capito le sue intenzioni e non scatta. Dopo 11' Ciaralli gli cambia ruolo, togliendo Graziani per inserire il centravanti Misitano: Rozzi arretra a centrocampo, lasciando la trequarti al brasiliano. Che si segnala subito per una chiusura in area sua, su cross di Violante, che gli vale i complimenti della panchina. Al 18' nuovo gol annullato per fuorigioco: cross di De Angelis, sponda di Bolzan, colpo di testa in rete di Misitano. Il Cosenza però non si arrende, e continua a giocare a viso aperto, Ciaralli inserisce un altro attaccante, Tarantino, al posto del centrocampista Rozzi, ma il più pericoloso per la Roma è il regista Cichella, che ci prova due volte da fuori area. Nel Cosenza si rivede il siciliano Vadalà, che aveva giocato con i 2005 della Roma nei Giovanissimi Regionali. De Angelis si procura un calcio di punizione con ammonizione del terzino avversario, punizione battuta corta, è lui stesso a mettere in mezzo, sul secondo palo irrompe Misitano, pallonetto e palo pieno, a portiere fermo. Sembra finita, al quinto di recupero Cichella prova il terzo tiro da fuori, e stavolta è quello buono, che si infila all'angolino basso: l'arbitro manda tutti negli spogliatoi senza neppure far riprendere il gioco.

Il tabellino di Roma-Cosenza 2-0

Roma (4-3-1-2): De Franceschi; Cavacchioli, Boldrini, Ienco, Bouah (39'st Touadi); De Angelis, Cichella, Graziani (11'st Misitano); Rozzi (27'st Tarantino); Bolzan (39'st Polletta), Joao Costa.
A disp. Mengucci, Morgantini, Barrotta, Marcelli, Totti.
All. Ciaralli

Cosenza (4-4-1-1): Iovino; Pedalino, Casciaro, Occhiuto, Gallo; Celestino (36'st Vadalà), Dirane (17'st Anaclerio), Sommario, Menna (11'st Bartoletti); Chisari; Violante (36'st Sclafani). A disp. Falsetti, Federico, Pugliese, Corrente, Mammolito. All. Garofalo

Reti: 11'pt Graziani; 50'st Cichella
Note: al 10' Iovino ha parato un rigore a Bolzan.
Ammoniti: De Angelis, Violante, Bartoletti, Casciaro