Roma travolgente, Bonfantini ancora di più. Le giallorosse battono 6-0 il Verona al Tre Fontane confermando i pronostici della vigilia e la solidità di fronte a un avversario nettamente inferiore. Una bella prestazione di squadra che permette di rimanere a quattro punti dalla zona Champions con la numero 22 da assoluta protagonista. Tre gol, la prima a segnare una tripletta nella giovane storia della squadra e il secondo vale come 100esima rete della storia della squadra di Bavagnoli.

Il risultato l'ha sbloccato capitan Bartoli dopo 18', spingendo in porta il cross da angolo di Andressa e dopo 120 secondi il primo guizzo di Bonfantini per il raddoppio immediato, dopo un'ottima manovra di squadra sulla destra. Al Tre Fontane non c'è mai stata gara, con Giugliano che sta rientrando a pieno regime nella regia del centrocampo il ritmo resta alto, troppo per il Verona. Al 26' proprio la numero 10 ha battuto un angolo dalla sinistra sul quale si è avventata Andrine Hegerberg, che ha festeggiato nel miglior modo possibile il rientro dal 1'. Alla mezz'ora la più bella delle tre firme di Bonfantini: un dribbling a centrocampo e poi tanta corsa fino alla porta avversaria per il 4-0. A sancire il dominio è arrivato il 5-0 di Andressa su rigore. La ripresa è iniziata come era finito il primo tempo: il boato del Tre Fontane ha accolto il terzo gol personale della numero 22 per il 6-0 definitivo.

Sei gol per tre punti e una protagonista ritrovata: la Roma sa vincere le partite che deve vincere, e questo forse aumenta ancora di più i rimpianti per qualche punto lasciato per strada e gli errori negli scontri diretti. Quello che fa più male è il crollo con la Florentia. Vincendo quella partita la Roma si sarebbe trovata seconda a un passo dall'obiettivo e avrebbe affrontato in maniera diversa anche gli scontri diretti. Non c'è tempo per piangersi addosso e si deve sperare in qualche passo falso lì davanti. La voglia di lottare per il vero obiettivo del campionato giallorosso resta e, con quella, anche la speranza di ottenere il meglio possibile in Coppa Italia, con il passaggio in semifinale già ipotecato.

I fiori e una lettera d'amore

C'è chi forse l'exploit di Bonfantini se lo aspettava già da prima del fischio d'inizio. Un tifoso romanista è arrivato al Tre Fontane con un bouquet di fiori per Bartoli e la 22, cui ha riservato anche una lettera d'amore. Lei magari non ricambierà il sentimento, ma finché risponderà come ha fatto ieri, ai tifosi va certamente bene così.