Mkhitaryan ha accompagnato Paulo Fonseca nella conferenza stampa alla vigilia di Siviglia-Roma, ottavo di finale di Europa League. Ecco le sue dichiarazioni:

Con Dzeko e Kolarov sei il giocatore più esperto di questa squadra. Che consigli darai ai giovani che scenderanno in campo domani?
"Dobbiamo stare molto attenti perché è una gara secca. Dobbiamo tenere più la palla noi, non sempre giocando in avanti ma essere molto fiduciosi. Attaccare sempre ma senza perdere la testa e restando ben bilanciati".

Lo scorso anno non hai giocato a Baku per scelta tua, ora hai una carica in più?
"È stato un peccato non giocare l'anno scorso, è una storia chiusa, non voglio parlarne più, mi fa male. Quest'anno è diverso. Io sempre voglio arrivare in finale, io non voglio giocare solo per vincere le partite, ma per vincere il titolo. Anche domani voglio vincere per arrivare in finale. La squadra è pronta, sono fiducioso, farò di tutto per vincere. La mia vittoria sarà la vittoria della squadra".

Sei l'uomo in più anche per la nuova posizione vicino a Dzeko. Ti ha aiutato anche dal punto di vista realizzativo?
"Sì, non dipende dal sistema, dipende dalla partita, da quel che chiede il mister, da come posso aiutare i miei compagni. Con il nuovo sistema per me è più facile fare gol perché gioco più vicino a Dzeko, voglio lavorare ancora di più per me e per la squadra. Voglio continuare così".

Questa è una delle tue stagioni migliori. Con la Roma hai segnato solo in campionato, ti sei tenuto i gol europei per questa fase finale?
"Stagione bellissima per me, una delle più belle della mia carriera. Ma domani è una partita diversa, ho 90 minuti per segnare, ma è più importante che vinca la squadra. Per me non sono mai importanti le ambizioni individuali, contano sempre quelle di squadra. Si vince e si perde insieme: domani dovrò lavorare di più ma non per far gol, solo per vincere".