Vendere per incassare un tesoretto da poter poi investire nel mercato in entrata: è questo l'obiettivo di Tiago Pinto che, di pari passo alle trattative per gli acquisti, ha il compito di snellire la rosa da mettere a disposizione di Mourinho da luglio in poi. Un compito non facile, quello del dirigente portoghese, perché se per Florenzi gli estimatori non mancano, per altri calciatori mancano destinazioni possibili.

Partiamo proprio dal terzino romano, rientrato dal prestito al Paris Saint-Germain e impegnato con la Nazionale: il giocatore piace a Inter e Juve, rimanendo tra i confini italiani; mentre con la Juve sembra essere tramontata l'ipotesi di uno scambio con Szczesny (che ha espresso la ferma volontà di rimanere a Torino), resta in piedi quella con i nerazzurri, pronti a mettere sul piatto D'Ambrosio. Una contropartita che però, per il momento, non entusiasma Pinto. Lucci, agente di Florenzi, avrà nei prossimi giorni un incontro con il general manager giallorosso per fare chiarezza sul futuro del ventinovenne di Vitinia. Per Kluivert resta vivo l'interesse del Lipsia, che però al momento vorrebbe spendere meno dei dodici milioni chiesti dalla Capitale.

Ingaggi pesanti

Oltre all'ex capitano, che percepisce uno stipendio da tre milioni netti all'anno (bonus esclusi), ci sono altri ingaggi pesanti che stanno per fare ritorno a Trigoria: Nzonzi, Olsen e Ünder. Il totale dei loro compensi annui è di poco inferiore agli otto milioni di euro: cifra notevole, se si considera che la scorsa stagione non sono stati ritenuti utili al progetto. Per il francese è concreto l'interesse del Rennes, che lo ha avuto nell'ultima stagione: la Roma spera di ottenere dal club francese sette milioni per il cartellino del centrocampista; soldi che permetterebbero di pareggiare l'attuale valore a bilancio dell'ex Siviglia. Rientrano invece dall'Inghilterra Olsen e Ünder, reduci dalle deludenti esperienze rispettivamente con Everton e Leicester: al momento non si registrano club interessati, ma l'estate è lunga e l'Europeo può dare una mano alla Roma a piazzarli. Ha estimatori in patria Carles Perez: su di lei ci sono il Celta Vigo, il Betis Siviglia e il neo-promosso Elche, ma va specificato che nessuno di questi club ha fatto offerte ufficiali.

Javier e gli altri

Sarà ben difficile trovare invece una sistemazione a Pastore (10,3 milioni il suo valore a bilancio), legato alla Roma per altri due anni, ma di fatto senza mercato al momento. Tra gli esuberi da piazzare anche Santon, Lopez e Fazio. Per Diawara invece c'è la possibilità che venga inserito nella trattativa con l'Arsenal per Xhaka.