Nicolò Zaniolo è volato quest'oggi dal professor Fink che l'ha operato a Innsbruck dopo il secondo grave infortunio alle ginocchia. L'obiettivo è chiaro: ottenere il semaforo verde a tornare in campo. E questa volta sembra davvero che non ci saranno dubbi, Nicolò tornerà con il via libera. Il 22 ha ormai superato con successo tutte le tappe del recupero per la rottura del legamento crociato del ginocchio subìto lo scorso settembre in Nazionale: la forza su entrambe le gambe è ritrovata e paritetica, non resta che tornare a calcare il campo in partita.

La stagione è finita, non c'è più fretta, ma Nicolò potrebbe indossare gli scarpini presto con la Primavera (come originariamente previsto) prima del ritardo registrato dall'ultimo mese e sul quale il giocatore ieri ha fatto un po' di ironia sui social. Da "fuoriquota" Zaniolo non potrà partecipare ai playoff scudetto, ma dovrebbe rientrare nelle ultime partite di stagione regolare che restano. Se ci sarà l'ok il 26 maggio (giorno della finale di Europa League mancata) contro il Cagliari Alberto De Rossi potrebbe regalargli uno spezzone.