Tiago Pinto, gm della Roma, ha parlato prima della gara con lo Shakhtar:

Pinto a Sky Sport

"La squadra arriva bene a questa sfida, con due vittorie importanti. Abbiamo recuperato diversi giocatori indisponibili: Kumbulla, Smalling, Ibanez, Dzeko. L'allenatore potrà avere altre opzioni su cui contare. Per quanto riguarda Mkhitaryan, è intelligente, può ricoprire diverse posizioni e interpreta bene le idee dell'allenatore. L'ultima partita l'ha terminata da centravanti, se l'allenatore ritiene che possa giocare qui lo farà al meglio. Sono qui a Roma da tre mesi, ritengo che il mio ruolo sia quello di essere vicino all'allenatore e ai calciatori e mettere il gruppo nelle migliori condizioni per esprimersi al meglio. Col mister abbiamo stabilito un'ottima relazione, questo ci aiuta nel lavoro quotidiano. La relazione è proficua anche con i Friedkin: stiamo lavorando non solo a livello di squadra ma anche con gli altri dipartimenti. E' un lavoro importante, dobbiamo svolgerlo insieme, ma la presenza della proprietà è molto importante. Stiamo prendendo le decisione giuste per il futuro della Roma".

Pinto a Roma Tv

Come arriva la Roma alla gara?
"Arriviamo bene, con due vittorie difficili, ma importanti per il campionato. Oggi però giochiamo in Europa League e dobbiamo cambiare qualcosa e dare ciò che serve. Abbiamo recuperato giocatori e questo permette a Fonseca di avere un gruppo più forte in allenamento e più opzioni per le gare. Il match oggi è difficile, contro una squadra esperta che viene dalla Champions, ma siamo fiduciosi di ottenere un buon risultato".

Il sorteggio era sembrato inizialmente fortunato, ma quali insidie nasconde l'avversario?
"Il sorteggio non è stato fortunato, lo Shakhtar ha esperienza in Europa e vince regolarmente in patria. Lo scorso anno al Benfica ci ha eliminati, hanno ottime individualità e un allenatore preparato. Però vogliamo giocarcela e andare avanti".