Per quel che riguarda il Segretario sportivo, qualche indiscrezione è già trapelata. E tutte portano al nome di Maurizio Lombardo, ex Juventus da cui ha divorziato, dicono consensualmente, nell'ottobre scorso. C'è stato già un incontro con il dirigente, è possibile che ce ne possa essere un secondo. Tutte le voci di dentro della Roma, danno comunque per fatta la scelta. Che, peraltro, deve essere fatta il più presto possibile perché il ruolo del Segretario sportivo è essenziale, se non altro per evitare nuove figuracce tipo quella con Diawara a Verona o, pure, quella contro lo Spezia in coppa Italia quando furono fatti sei cambi, uno in più da quello che prevede il regolamento del nostro calcio.

E poi c'è la questione del settore scouting. Settore che dopo Sabatini e Monchi, è stato quasi azzerato (ai tempi di Sabatini c'era una squadra di dieci persone a seguire una quarantina di campionati). Tiago Pinto, nel giorno della sua prima conferenza stampa, ha fatto capire in maniera molto chiara di credere molto allo scouting per la costruzione di una squadra. Aggiungendo pure che la riorganizzazione di questo settore sarà una delle sue priorità. Ci sarà bisogno, dunque, di inviduare inizialmente un capo scouting. E, in questo senso, i rumors che arrivano hanno individuato in Pedro Ferreira il primo favorito per andare a ricoprire questo ruolo. Pinto lo conosce benissimo avendoci lavorato insieme negli anni al Benfica. E sarebbe intenzionato a tornare a lavorarci.