Se per il rinnovo di Alessandro Florenzi siamo in stand-by, torna a riscaldarsi il mercato della Roma per quanto riguarda il futuro di Alisson, appena eliminato da Russia 2018, la cui posizione potrebbe definirsi quindi prima del previsto. Intorno a questi due nomi ruota al momento il lavoro di Monchi. Dopo di che sarà più facile capire se sferrare o meno l'affondo decisivo per Ziyech (specie se dovesse partire Florenzi o nel caso di una cessione di uno degli esterni d'attacco), blindato e congelato da un mese e mezzo circa e che a Roma ritroverebbe l'amico Kluivert. E se fare qualcos'altro in attacco, sempre sulle "ali", visto che la Sampdoria continua a lavorare per Gregoire Defrel, da considerare in uscita ormai dalla Roma (al pari di Gerson). Ma andiamo con ordine.

Capitolo Alisson

L'eliminazione per certi versi clamorosa ad opera del Belgio nei mondiali di Russia scotta ancora. Con il Brasile fuori dal Mondiale, Alisson - come ha sempre detto - potrà affrontare la questione del suo futuro, a partire da una certezza: la Roma aspetta un'offerta di almeno settanta milioni per sedersi a un tavolo con chicchessia. Offerta che almeno per ora non è arrivata a Trigoria. Corteggiato dal Real Madrid e dal Chelsea, è adesso prevedibile un'accelerata. E ci sono sempre due strade, quella che porta nella Liga, con un'offerta monstre da 5,5 milioni a salire per i prossimi cinque anni. In questo caso però il Real ha qualche dubbio per il costo del cartellino e sta ripensando quindi a Courtois, proprio il belga che ha eliminato Alisson dal Mondiale, in rotta col Chelsea, che nella capitale spagnola ritroverebbe la propria famiglia. In questo valzer di portieri e di club, l'altra strada porta in Premier, dove i Blues si sono mossi concretamente su Alisson, con un'offerta convincente per il giocatore, ma devono ancora bussare con carta e penna a Trigoria. Vacanze per Alisson, allora. Lì, stando anche alle parole ds della Roma Monchi, il portiere brasiliano potrà ricaricare le pile e «rientrare in squadra». Almeno a parole e allo stato dell'arte attuale.

Florenzi o non Florenzi

No news, good news, si dice. È quasi sempre vero, tranne che per i rinnovi di contratto. Anzi, stallo. Almeno è quello che c'è per quello di Alessandro Florenzi, vice-capitano della Roma. Che ha fatto «l'offerta giusta, importante» (circa 2,7 milioni più bonus) al giocatore. Non i 4 milioni che - sembra - il procuratore del numero 24 romanista ha rifiutato per ora da Inter e Juventus. La Roma non sembra intenzionata a salire e a equiparare Florenzi ad altri big. Quello che sembra certo è che se non dovesse esserci la fumata bianca ci sarà una cessione per una congrua offerta, non l'uscita - in questo caso sì da una porta piccola - a parametro zero il prossimo anno.