Nel manifesto di "Mi chiamo Francesco Totti" c'è il Dieci davanti allo specchio con l'ultima maglia indossata in carriera. Il Dieci ha comunicato l'uscita del documentario sulla sua storia attraverso i suoi canali ufficiali: «Spero vi faccia emozionare e commuovere proprio come è successo con me».

Il film, prodotto da Wildside e diretto da Alex Infascelli, in sala come evento speciale dal 19 al 21 ottobre, parte dalla notte prima dell'ultima partita giocata dalla leggenda per ripercorrere le tappe fondamentali fino all'addio a una maglia dopo 25 anni. Tratto dall'autobiografia "Un Capitano" scritta con Paolo Condò, le immagini riguardano gli attimi chiave della carriera e della vita privata e comprendono ricordi inediti.

Francesco per Francesco

C'è il contributo di Totti anche nel nuovo libro di Papa Francesco, "Mettersi in gioco. Pensieri sullo sport", una raccolta dei discorsi di Bergoglio agli sportivi: «Gli atleti offrono una testimonianza di disciplina, sano agonismo e gioco di squadra». Lo provano gli atleti che hanno firmato le prefazioni: l'ex maratoneta Tegla Loroupe, Alex Zanardi e Francesco Totti.

Pubblicata in anteprima da Avvenire, la sua sezione mette l'accento sull'incontro tra i due nel 2016, prima dell'amichevole tra la Roma e il San Lorenzo, squadra del cuore del Pontefice: «Mi ha messo a mio agio trasmettendomi sicurezza e umanità. Grazie alla sua sensibilità nei riguardi dello sport nasce la pubblicazione. Spero possa diventare un'importante fonte di ispirazione nella vita quotidiana».