«Mancavano solo le visite mediche, ma è stata una mia decisione, volevo giocare la Champions con la mia squadra preferita». Così Ante Coric, estate 2016, spiegava il suo mancato passaggio al Liverpool. A distanza di due anni, caratterizzati da sondaggi concreti di Everton, Manchester City e Tottenham, il centrocampista croato è pronto a fare il grande salto. La combinazione tra adesione alla Comunità Europea e innato talento slavo, ha reso la Croazia uno dei territori più battuti dagli operatori di mercato. Brozovic, Kovacic, Pjaca, Rog e Vrsaljko sono solo alcuni dei tanti croati approdati in serie A. Coric ha tutte le carte in regola per essere il prossimo. Che sia un giocatore vicino alla Roma, è una certezza da tempo, ora quel vicino sembra destinato a diventare qualcosa di definitivo.

A questa operazione la Roma sta lavorando da tempo e la conferma l'ha data ieri, in un'intervista a LaRoma24.it, il ds della Dinamo Zagabria, Svetina: «Coric è un giocatore nostro. Possono essere arrivate offerte dalla Roma, ma se lo vogliono dovranno fare un'offerta adeguata. Non sveliamo il prezzo, quando concluderemo la trattativa con la Roma o con un altro club, le diremo». La trattativa c'è, tanto è vero che nelle settimane passate il giocatore sui social ha spedito indizi romanisti inequivocabili.

La distanza tra domanda e offerta si è assottigliata negli ultimi giorni. Finito nei radar di Monchi già ai tempi del Siviglia, Coric è il tipico trequartista croato che con il passare del tempo e la giusta applicazione può rendere bene anche abbassando di qualche metro il proprio raggio d'azione. Presenza costante nelle nazionali giovanili croate, ha mosso i suoi primi passi calcistici in Austria, nel Salisburgo. Tornato in patria nel luglio del 2013, il ragazzo ha subito impressionato con la Dinamo Zagabria, facendo il suo esordio in prima squadra il 16 aprile del 2014 e trovando il suo primo gol meno di un mese dopo (10 maggio), giocando nella posizione di ala sinistra, ruolo che sa ricoprire con ottimi risultati. Da allora, Coric è diventato un punto fermo della squadra croata, collezionando quasi centocinquanta presenze, impreziosite da 23 gol e 23 assist.

Monchi, comunque, non si ferma a Coric. Ieri il ds giallorosso è volato all'estero di prima matina. Dove andasse non lo ha rivelato a nessuno. Pare, comunque, che sia volato a Lisbona. Fosse così l'obiettivo potrebbe essere il centrocampista brasiliano Talisca attualmente al Besiktas ma di proprietà del Benfica.