Paulo Fonseca, tecnico della Roma, ha parlato dopo il fischio finale di Roma-Napoli, vinta 2-1 dalla Roma con gol di Zaniolo e Veretout

Fonseca a Sky Sport

Avete controllato la partita per 70 minuti su 90. E' la sua Roma più bella?
"Abbiamo giocato contro una bella squadra. Ma penso che abbiamo iniziato molto bene la partita. Abbiamo fatto un bellissimo gol in un buon momento. Poi, dopo aver sbagliato il rigore, la squadra ha accusato il colpo e ha perso aggressività e posizionamento. E' normale che contro una squadra come il Napoli si subisce la reazione dell'avversario. Nell'intervallo ho chiesto di continuare a pressare alto e di controllare la partita. Abbiamo fatto un gran secondo tempo".

Tante individualità, sta diventando un campione?
"Non solo Zaniolo. Tutta la squadra sta capendo che insieme siamo più forti. Per esempio Dzeko non ha fatto gol ma ha lavorato tanto per la squadra in fase difensiva. Questo è l'atteggiamento che dobbiamo avere".

State reagendo bene agli infortuni.
"Abbiamo molti infortunati e la squadra ha capito che è il momento di stare uniti e lottare più che mai, correre più che mai. Per me questo atteggiamento è molto importante". 

La classifica rispecchia il valore della rosa, siete da terzo-quarto posto?
"Devo dire che non abbiamo vinto nulla al momento. Devo pensare alla prossima partita. E' così che voglio, procediamo gara dopo gara. E' importante stare in questa posizione di classifica, penso sia giusta, ma è più importante la prossima partita".

Dove ha trovato gli equilibri della squadra? La svolta c'è stata con Mancini centrocampista?
"Sì, è vero. Mancini è un giocatore molto intelligente tatticamente e il suo è un ruolo chiave. Sta facendo un lavoro molto importante per la squadra".

Fonseca a Roma Tv

Una Roma in grande formato contro il Napoli, dimostrate maturità nell'agonismo e dal punto di vista tattico e dell'attenzione...
"Si abbiamo fatto una buona partita. Abbiamo iniziato bene, abbiamo fatto un gol, sbagliato il rigore e dopo abbiamo smesso di pressare alto, perdendo aggressività e c'è stata una reazione forte del Napoli. Ho parlato con i giocatori all'intervallo, abbiamo ripreso a pressare alto e aggressivo controllando bene il secondo tempo".

Piace l'adattamento dei giocatori che giocano in un ruolo non proprio loro...
"Si anche Dzeko ha lavorato tanto per la squadra dal punto di vista difensivo, anche Pastore ha fatto una grande partita difensiva". 

E' difficile trovare qualcosa di negativo, è uscito tutto alla perfezione. La posizione di Mancini colpisce, aiuta in fase difensiva e aggredisce più alto...
"Penso che dopo il rigore abbiamo lasciato di pressare alto e il Napoli ha iniziato a giocare sulla corsia di sinistra. In quel momento era importante che Mancini giocasse vicino ai difensori perché c'erano cinque giocatori del Napoli pronti a sfruttare la profondità. Nel secondo abbiamo pressato meglio nella costruzione del Napoli e non abbiamo avuto problemi".

Questa squadra diverte e fa esaltare e sognare. Quando arriveranno anche gli altri infortunati, dove può arrivare?
"Devo essere equilibrato perché non abbiamo vinto niente, dobbiamo solo pensare alla prossima partita. Per me questo è la cosa più importante".