"La Roma era un'opportunità troppo bella per rifiutare". Chris Smalling sta diventando sempre più centrale negli schemi di Fonseca e il difensore inglese sembra entusiasta della sua avventura in giallorosso: "Mi sto divertendo con il calcio italiano e penso sia adatto al mio gioco. Spero di arrivare a maggio e di poter dire che ho avuto una buona stagione, che la squadra abbia avuto una buona stagione e che sia un grande successo".

"Non ci sono molti giocatori inglese che vanno all'estero - continua Smalling - penso sia un peccato che non ci siano molti giocatori che vadano all'estero. Penso che avere l'opportunità di vivere la Serie A in un grande club come la Roma sia un'opportunità troppo bella per rifiutare". The Colossus, come era soprannominato in Premier League, non nasconde l'ambizione di voler tornare in nazionale: "Devo concentrarmi su me stesso come ho fatto allo United e far bene qui. Gioco su palcoscenici importanti e se mostro il mio talento farò una grande stagione, spero ancora di poter esser nuovamente convocato con l'Inghilterra. E' un'ambizione che mi brucia dentro".

Al di fuori del calcio Smalling ha una vita privata molto impegnata e ha appena annunciato di aver investito nella Pinatex, una società che realizza tessuti ecosostenibili: "All'inizio di quest'anno io e mia moglie abbiamo visto un post su Instagram su un'alternativa al materiale animale e sintetico. Abbiamo visto che Pinatex stava realizzando delle scarpe per Hugo Boss. Lo considero un buon investimento perché penso che viviamo in tempi in cui le persone non vogliono solo un prodotto di qualità, vogliono anche conoscere la storia dietro di esso e sapere che è sostenibile".

"Mia madre non ha mai navigato nel lusso, quindi molto di quello che ho guadagnato all'inizio l'ho utilizzato per darle una mano - racconta Smalling parlando del suo passato - Il fatto di essere nella posizione fortunata in cui mi trovo e avere una carriera avviata mi porta a dovermi assicurare di non prendere decisioni sbagliate. Se riesco a prendere decisioni intelligenti e avere un impatto sociale oltre che ad essere coinvolto nelle scelte che faccio, penso che sia l'ideale".

Smalling da anni segue una dieta vegana e quando è venuto a Roma la società gli ha messo a disposizione a Trigoria un'alimentazione personalizzata: "Anche se la salute è stata la ragione iniziale per cui ho cominciato a mangiare vegano, è stato il benessere degli animali che mi ha davvero convertito".