Edin Dzeko ha parlato al termine della contestata gara di Europa League pareggiata dalla Roma per 1-1 contro il Borussia Moenchengladbach.

Quest'errore cambia un po' tutto? Cosa hai detto all'artbitro?
"E' un errore grave che non può succedere a questi livelli, perché poi cambia tutto, hanno due punti di più. Ci sono altre tre partite e può succedere di tutto, con tre punti oggi era tutta un'altra cosa. Non capisco l'arbitro perché era troppo sicuro, dalla sua posizione non poteva vedere, è incredibile. L'arbitro ripeteva che che dovevamo andare via, che aveva visto e che era rigore, io gli indicavo la faccia di Smalling che era subito diventata rossa, gli dicevo di aspettare perché non si poteva dare un rigore all'ultimo minuto così. E' una cosa inaccettabile. Per lui era rigore e non volevamo più rischiare di prendere cartellini".

Una partita sotto controllo...
"Si abbiamo controllato bene specialmente nel secondo tempo. Loro hanno avuto la palla ma non abbiamo rischiato niente nella ripresa, abbiamo perso due punti. Però dobbiamo guarda avanti, questa è finita e non si può più fare niente".

In un momento così complicato arriva questo pareggio a causa di un errore. Puoi tranquillizzare i tifosi sulle tue condizioni e sul fatto che vi riprenderete?
"Con la maschera non vedo benissimo ma mi devo ancora abituare, la testa sta bene e questo è l'importante. Peccato perché non siamo in un momento felice, perché è il quarto pareggio di fila. Ci stava una vittoria oggi anche per la fiducia, ma non dobbiamo guardare indietro, dobbiamo vedere avanti. C'è una partita importante col Milan, dovremo dare tutto per vincerla".

Cosa vi dice il mister?
"Ci ha detto che dobbiamo dare di più perché quello che abbiamo fatto a Genova non basta, abbiamo sempre avuto la palla ma abbiamo fato solo passaggi facili senza rischiare mai, è chiaro che poi non vinci".