È stata archiviata la pratica degli impegni internazionali e gli 11 romanisti in giro per il mondo hanno fatto tutti ritorno alla base: domani saranno tutti a Trigoria a disposizione di mister Fonseca per preparare Roma-Sassuolo. A dir la verità la sosta per le nazionali è cominciato malissimo per i giallorossi perché Cengiz Ünder si è fatto male ancora prima di scendere in campo con la sua Turchia ed è di ieri la notizia che a causa della sua lesione sarò costretto a stare fermo per cinque settimane. Solo tribuna invece per il suo connazionale Mert Cetin nelle due sfide contro Andorra e Moldavia. Nazionale in chiaroscuro per gli italiani con Florenzi in campo per 177 minuti nella doppia sfida contro Armenia e Finlandia. A brillare è stato Lorenzo Pellegrini (128 min giocati) decisivo da subentrante contro gli armeni con il gol che ha riportato in vantaggio gli azzurri e titolare a Tampere nell'inedito ruolo di esterno d'attacco. Solo panchina invece per Gianluca Mancini. Opaca la prestazione di Nizolò Zaniolo con l'Under 21: titolare senza incidere sia contro la Moldavia che con il Lussemburgo per un totale di 105'.

Sono stati costretti agli straordinari Edin Dzeko e Aleksandar Kolarov, entrambi in campo per 180' minuti nelle rispettive sfide. Il bomber bosniaco ha messo a segno due reti e un assist contro Liechtenstein e Armenia ma rischia di restare fuori da Euro2020 a causa della sconfitta contro il suo nuovo compagno Mkhitaryan, mentre il terzino serbo dopo la sconfitta con il Portogallo (4-2) è stato protagonista con un assisti nella vittoria per 3-1 sul Lussemburgo. L'armeno ex Arsenal ha giocato 180' ed è apparso tra i più brillanti anche nella sconfitta per 3-1 contro l'Italia diventando poi travolgente contro la Bosnia mettendo a referto due gol, un assist e procurando l'autorete del definitivo 4-2.

Solo panchina per lo spagnolo Pau Lopez rimasto a guardare nelle sfide con Romania e Faroe. Zero minuti anche per Justin Kluivert, promosso dall'Olanda Under 21 alla nazionale maggiore dopo il forfait di Steven Bergwijn, e per Fuzato, impegnato con il Brasile Under 23 con Cile e Colombia.