Un centravanti di nome Wanda. Un centrale difensivo che non è una pezza. Tornando lucidi, Mauro Icardi e German Pezzella. Perché quando le prime scelte si fanno difficili se non impossibili, la Roma non può che rifugiarsi nel piano B che, poi, a pensarci bene, non è che poi sia così B. Da Higuain e Alderweireld, a Icardi e Pezzella, per dare a Fonseca i due pezzi che ancora mancano per completare, almeno sulla carta, la sua prima Roma (ci sarebbe pure da trovare un esterno offensivo, ma al momento non sembra essere una priorità). 

Il centravanti

Doveva esserci il valzer delle punte, ma l'orchestra sta ancora accordando gli strumenti. Il risultato è una confusione in cui non è semplice capire quello che sta succedendo. A casa Roma il nome di Gonzalo Higuain rimane il preferito, ma l'affare con il passare dei giorni si sta complicando sempre di più. Con la comparsa sul palcoscenico di un altro paio di protagonisti che rispondono ai nomi di Dybala e Lukaku. Due nomi che in questa vicenda possono essere letti in maniera diametralmente opposta: 1) l'argentino sta tornando dalle vacanze e le voci di dentro al mercato fanno sapere che per la Joya ci sarebbe un'offerta da quasi novanta milioni da parte del Tottenham. Si concretizzasse, vorrebbe dire che Higuain rimane a Torino con tanti saluti alla Roma; 2) le stesse voci di dentro, ieri hanno riferito che il ds bianconero Fabio Paratici a Londra si sarebbe incontrato con il Manchester United. Motivo: mettere in piedi uno scambio con Dybala che si trasferirebbe a Old Trafford e il centravantone belga al fianco di Cristiano Ronaldo. E allora, in questo caso, Higuain sarebbe di troppo e per la Roma si potrebbe riaprire la pista che porta al Pipita. Aspettando, come logica vuole, la società giallorossa si sta guardando intorno.

Ed è tutto un fiorire di nomi: da Junior Moraes che Fonseca ha avuto allo Shakthar (ma sarebbe buono per prendere il posto di Schick se si dovesse chiudere il prestito al Borussia Dortmund), a Milik come ha suggerito qualcuno, non rendendosi conto dell'impossibilità dell'operazione (ieri l'agente del polacco testualmente ha detto: «Lasciate perdere, De Laurentiis vuole almeno ottanta milioni di euro»). Ma visto che siamo arrivati al Napoli, la novità, pure in chiave Roma, sempre che Higuain non si muova dalla Juve, è che il club del produttore cinematografico pare sia a un passo dall'acquisto di Pepè, l'attaccante del Lille reduce da una stagione da assoluto protagonista. Dovesse chiudersi questa operazione, come pare possibile, per il centravanti di nome Wanda, al secolo Mauro Icardi, andrebbe a chiudersi un'altra possibile destinazione. Di fatto per l'argentino in Italia, Juventus a parte e la cosa è tutta da vedere, non ci sarebbe una squadra e all'estero, forse, l'Atletico Madrid. E allora anche la Roma, fin qui tenuta da Icardi come opzione di riserva, potrebbe diventare piazza gradita per andarsene da un ambiente che lo ha schifato. E considerando che c'è in ballo pure la questione Dzeko che da tempo ha un accordo con l'Inter, l'affare, volendo, potrebbe decollare (la Roma avrebbe già pronta un'offerta strutturata per Icardi). Sul bosniaco, peraltro, non ci sono novità: l'Inter una volta rientrata dalla tournèe asiatica, tornerà alla carica, pronta, pare, ad avvicinarsi alla richiesta della Roma che non si schioda da venti milioni. Ne potrebbero bastare un'altra ventina per sperare in uno scambio con l'argentino, sempre che la signora Wanda sia d'accordo.

Il difensore

Ieri è scaduta la clausola da ventisette milioni di euro per acquistare il cartellino di Toby Alderweireld, ovviamente con il consenso del difensore belga. Il consenso ci sarebbe pure stato per la Roma, ma la società giallorossa da tempo aveva fatto sapere di non essere disposta a pagare una cifra così importante per un giocatore che ha superato la trentina. E, a maggior ragione, non spenderà di più da oggi quando gli Spurs sembrano intenzionati a far salire la richiesta per il giocatore a oltre quaranta milioni. Inevitabile per gli uomini mercato della Roma guardare altrove. Magari non andando neppure troppo lontano. Diciamo meno di trecento chilometri. Tornando a Firenze da dove hanno appena acquistato il centrocampista francese Veretout. C'è infatti un'idea di provare a prendere l'argentino German Pezzella. Idea che nasce da un costo inferiore ai venti milioni di euro ma, soprattutto, dal fatto che il giocatore in tempi recenti e remoti, ha mandato più di un segnale di gradimento alla società giallorossa. Per ora alla Fiorentina non è stata fatta nessuna offerta, ma è probabile che nei prossimi giorni da Trigoria parta una telefonata diretta al cellulare di Daniele Pradè. Potrebbe essere dunque l'argentino il quarto centrale difensivo a disposizione di Paulo Fonseca.