Adesso è ufficiale: il ritiro della Roma a Pinzolo è stato cancellato. Lo ha comunicato il club sul sito ufficiale con un comunicato in cui sono riportate anche le parole di Guido Fienga: "Prima di tutto vogliamo porgere le nostre scuse ai tifosi giallorossi che avevano già programmato di seguirci durante il ritiro estivo e a tutta la comunità di Pinzolo - ha detto il Ceo che ha spiegato così i motivi della decisione - Non è stato semplice prendere questa decisione, ma a seguito di un confronto tra l'allenatore e lo staff dell'area sportiva è stata presa la decisione di posticipare l'inizio della preparazione per assicurarci che la squadra sia nel miglior stato di forma possibile in vista della nuova stagione. Comprendiamo il disagio arrecato ai tifosi che avevano già prenotato viaggio e alloggio a Pinzolo per seguirci durante il ritiro estivo e stiamo cercando la soluzione migliore che possa alleviare il dispiacere causato da questa comunicazione giunta in ritardo"

Il comune di Pinzolo è pronto a richiedere il pagamento di una ricca penale, non solo per la rottura del contratto ma anche per il danno all'indotto e all'immagine del paese della Val Rendana. "Ci scusiamo anche con il Comune di Pinzolo, con l'APT di Pinzolo – Madonna di Campiglio, con Trentino Marketing e con tutte le strutture che si erano preparate in tempi record ad accogliere la squadra e i suoi fan. Il Trentino è uno storico partner dell'AS Roma, con il quale ci auguriamo di poter tornare a collaborare molto presto", ha detto ancora Fienga.

Per i tifosi che avevano già prenotato viaggi e strutture per Pinzolo la Roma ha attivato una mail: "Coloro che dopo l'annuncio del ritiro avevano prenotato presso una struttura in Val Rendena, in una data compresa tra il 29 e il 7 luglio, potranno scrivere a pinzolo@asroma.it inviando i dati di conferma del soggiorno e saranno contattati direttamente dalla Società".

Non è stata ancora annunciata ufficialmente la data del nuovo ritiro che però dovrebbe scattare dal 5 luglio a Trigoria. La Roma attende ancora la sentenza della Camera giudicante europea sul caso Milan e nel dubbio ha preferito scegliere una nuova data per il ritiro che sia una via di mezzo tra le due soluzioni in modo di preparare al meglio la stagione.

Il ritiro della Roma a Pinzolo rischia seriamente di saltare. La notizia non è ancora ufficiale ma da quello che trapela dalla Val Rendena il club giallorosso questa mattina avrebbe comunicato all'azienda turistica locale l'intenzione di annullare il raduno in montagna. Al momento c'è ancora un minimo margine per recuperare la situazione ma tutto lascia pensare che alla fine il ritiro salterà: nel pomeriggio sono attesi i comunicati ufficiali.

Quel che è certo è che non sarà una decisione indolore perché ci sarà da pagare una penale per la rottura del contratto stipulato con il comune. Ma l'esborso potrebbe non finire qui. Il paese si era mobilitato per accogliere la Roma e le strade erano state già rivestite con i colori giallorossi, le maestranze preallertate e gli albergatori impegnati. Il comune di Pinzolo è pronto a chiedere ulteriori penali alla Roma per i danni all'indotto e all'immagine di Pinzolo.

La Roma ha già in programma un ritiro alternativo. Dopo aver parlato con il nuovo tecnico Paulo Fonseca la strada scelta è quello di un raduno a Trigoria a partire dal prossimo 5 luglio. In tutto questo c'è ancora attesa per la sentenza della camera giudicante dell'Uefa sul caso Milan. 

di: La Redazione