Sembrava confermato il quadro delle squadre italiane per le prossime coppe europee, invece la presenza dei legali del Milan a Nyon, pare aver rimesso tutto in gioco. La questione è al momento solo tra il Milan, l'organo decisionale indipendente e il Tas (e non la Uefa). Ma il club rossonero sembrerebbe deciso ad andare incontro a una possibile squalifica dall'Europa League di questa stagione per bypassare l'obbligo di pareggio del bilancio imposto dalla Uefa entro il 2021. La sensazione è che il massimo organo calcistico europeo non sia deciso ad attendere la decisione del Tas, ma che invece voglia esprimersi direttamente sul caso dei rossoneri e già nella giornata di domani è attesa la sentenza. Roma, Torino e lo stesso Milan (i club coinvolti direttamente e indirettamente) hanno scritto alla Uefa per sollecitare una decisione. Decisione che i club sperano arrivi il prima possibile per iniziare a programmare la prossima stagione. Per la Roma, salvo cambiamenti, inizierà il 29 giugno a Pinzolo.