La Roma soffre ma ottiene 3 punti fondamentali contro l'Empoli. Stephan El Shaarawy, l'autore del primo gol giallorosso, ha parlato nel dopo partitaEcco le sue dichiarazioni.

El Shaarawy a Sky

Che partita è stata?
"Abbiamo portato a casa una partita difficile ma l'importante oggi era portare a casa tre punti abbiamo messo cuore e cattiveria".

Il tuo gol?
"Rete molto importante per me e per la continuità che sto avendo in questa stagione, ma soprattutto per la squadra".

Avete cambiato allenatore come è cambiato il vostro gioco?
"Ranieri ci ha chiesto diverse cose, il modulo è cambiato, ci siamo adattati come ci ha chiesto. Abbiamo fatto buone cose mentre non sempre siamo stati bravi in fase di possesso. Oggi contavano i tre punti dobbiamo affrontare tutte le partite con tenacia".

Che effetto ti fa aver indossato la fascia?
"È stato un onore anche portarla solo per 10 minuti. Per me è motivo di grande soddisfazione".

El Shaarawy a Roma TV

Vittoria sofferta che dà morale...
"Vittoria importante, era quello che contava a prescindere dalla sofferenza e dalla fatica che abbiamo fatto. L'abbiamo portata a casa con le unghie e con i denti per cui siamo contenti soprattutto della tenacia che abbiamo avuto, che è quello che ci ha chiesto il mister, di essere cattivi e determinati e anche in dieci l'abbiamo portata a casa e siamo contenti".

Il gol del 2-2 per fortuna è stato annullato...
"Si ma il Var è uno strumento che va usato, per fortuna in questa occasione l'hanno usato bene. Ci portiamo a casa questi 3 punti che sono un passo importante in vista delle prossime partite per la classifica. Abbiamo cambiato modulo ma ci siamo adattati e siamo soddisfatti, dobbiamo andare avanti".

La ricerca di profondità è stata la chiave della partita?
"Sì quando la palla arrivava al terzino cercavamo con i due attaccanti di andare in profondità, nel secondo tempo l'ho fatto io dietro a Patrick. A volte è andato bene a volte meno, ma sicuramente in settimana analizzeremo tutto e lavoreremo anche su quello".

Vedo quella fascia da capitano, ti dona. E' un tuo obiettivo?
"Dopo tre anni alla Roma mi sento un giocatore importante di questa squadra ma la fascia l'ho solo presa in prestito per dieci minuti. E' stato un grande onore indossarla, poi con la vittoria è grande soddisfazione".

L'espulsione ci ha mandato in sofferenza. Come l'avete vista dal campo?
"Alessandro ha detto che si è tolto, è il secondo episodio a suo sfavore. Ma non deve abbattersi, deve reagire, anche se stavolta non era nemmeno colpa sua".