L'evento

Pinto: "Abraham sarà uno dei migliori al mondo. I Friedkin hanno la giusta visione"

Il general manager giallorosso: "Non pensano solo ai guadagni. Siamo molto felici di essere in Giappone, un passo importante anche per la crescita del brand"

Tiago Pinto in conferenza stampa 2 settembre

Tiago Pinto in conferenza stampa 2 settembre (As Roma via Getty Images)

La Redazione
24 Novembre 2022 - 08:11

Tiago Pinto è intervenuto in conferenza stampa al Foreigner Correspondents’ Club of Japan. Queste le sue parole:

"Buon pomeriggio a tutti. Come prima cosa congratulazioni per la scorsa notte (La vittoria del Giappone contro la Germania, ndr). Come seconda: le persone qui sono state fantastiche con noi, nonostante sia solo la seconda volta che la Roma viene qui. Ieri abbiamo vissuto una bella giornata alla Roma House. Credo che i nostri giocatori potranno confermarlo: i tifosi giapponesi sono stati fantastici con noi. Ovviamente, rispetto a me, sono più importanti i due giocatori che ho vicino in questo momento (Abraham e Volpato, ndr). Li abbiamo scelti entrambi perché rappresentano al meglio la nostra strategia: Tammy per me è un giocatore fantastico, sarà uno dei migliori al mondo presto, non ho dubbi. La Roma necessita di giocatori di questo tipo. Poi c'è Cristian, che è parte del processo di crescita del club e rappresenta al meglio il ruolo della nostra academy: negli ultimi 20 mesi hanno debuttato dalla Primavera 14 giocatori. Cristian è ora un giocatore stabile in prima squadra. Sono due giocatori che rappresentano la nostra strategia. Siamo molto felici di essere in Giappone, un passo importante anche per la crescita del brand".

 Sull'accordo con Mourinho.
“La negoziazione con Mourinho è stata facile, anche se la gente non ci crede. È stato convinto dal progetto e dalla città. Lo è stato anche con Dybala e Tammy, non sono persone a cui bastano i soldi”.

Sui Friedkin
“Se nel calcio ci fossero più famiglie Friedkin sarebbe meglio, loro hanno la giusta visione e non pensano solo ai guadagni. Abbiamo una giocatrice giapponese in squadra, la squadra sta crescendo moltissimo”.

Sulla squadra femminile, dove milita una giocatrice nipponica.
“Abbiamo una giocatrice giapponese in squadra, la squadra sta crescendo moltissimo”.

Farete altre operazioni in entrata oltre a Solbakken?
"Senza dubbio teniamo in considerazione l'opinione del nostro allenatore ma anche dei paletti imposti dal FPF. Ma siamo qui in Giappone e siamo focalizzati sulla tournèe e non voglio parlare di mercato". 

Qual'è la tua opinione sulla Super League?
"Io so cosa vogliono fare realmente con questa iniziativa ma io vengo dal Portogallo: un piccolo paese con i migliori giocatori e allenatori del mondo. Forse, se ci fosse stata la Super League 20 anni fa, non ci sarebbero stati José Mourinho e Cristiano Ronaldo. Capisco il business e la necessità di cambiamento, ma non si possono chiudere le porte ai piccoli paesi e alle piccole nazioni. L'Arabia Saudita ha sconfitto l'Argentina: questo è il bello del calcio". 

Sui calciatori inglesi in Italia...
"In Italia abbiamo molti giocatori che vengono dall'Inghilterra: Tammy, Smalling, Tomori. In passato Mkhitaryan e Dzeko, anche loro sono venuti dalla Premier. Le nuove generazioni inglesi sono però molto talentuose. L'intensità dei giocatori in Premier è del tutto differente e anche fisicamente sono dei mostri". 

Su Cristiano Ronaldo.
"Il Manchester United è uno dei più grandi club del mondo, Ronaldo è uno dei migliori calciatori della storia. Ha scelto di terminare il contratto in questo modo, non posso commentare. Spero che stanotte riesca a segnare e porti il Portogallo alla vittoria". 

Chi vincerà la Coppa del Mondo? 
"Sono sincero: prima dell'inizio avrei scommesso avrebbe vinto l'Argentina. Chiaramente spero ci riesca il Portogallo, il mio paese. però come ha detto Tammy alcune squadre sono partite molto bene, come la Spagna e l'Inghilterra. 
È una competizione molto breve, è difficile fare pronostici".

Ha visto che alcune gare in Qatar finiscono molto più tardi, che ne pensa? 
"
È stata una decisione di Pierluigi Collina per provare ad aumentare il tempo di gioco effettivo durante le partite per dare più calcio giocato alla gente. L'idea per me è buona".  

Una domanda molto romana: è più importante vincere il campionato o finire sopra la Lazio? 
"Per me è molto più importante vincere il campionato, la cosa più importante è vincere titoli". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags: