Si è svolta ieri pomeriggio alle ore 16 presso il cimitero monumentale Verano di Roma la commemorazione di Italo Foschi. Nel giorno della sua nascita, il 7 marzo, il Roma Club l'Aquila Vittorio Zingarelli - Sala Museo Italo Foschi ha deposto per il terzo anno consecutivo una corona di fiori presso la lapide del primo presidente giallorosso.

Una giornata importante, quella dell'altro ieri, per i romanisti. A sottolinearlo è stato Riccardo Zingarelli, pronipote del fondatore dell'As Roma prima della cerimonia: "Questa è una giornata importantissima per l' As Roma, poiché si commemora colui che ha voluto fortemente fondare questa società identificandola con il nome della città (Roma), i colori giallorossi e il simbolo della lupa. La volontà ferrea di Italo, che si è imposta contro chi aveva intenzione di contrastarlo, ha permesso di donare a tante persone dentro e fuori Roma una squadra per cui tifare. Quello di oggi è un riconoscimento all'ideale sportivo perseguito da Italo Foschi che trasmette passione e gioia".

Al termine della celebrazione, in cui insieme alla corona di fiori sono state depositate anche delle sigarette, lo stesso presidente del Roma Club ha ringraziato i presenti, raccontando un piccolo aneddoto e invitandoli al torneo in programma il 7 giugno: "Ringrazio tutti coloro che hanno voluto partecipare a questo piccolo gesto per ricordare una grande persona. Dovete sapere che Italo era un gran fumatore, ho aggiunto qualche sigaretta così se le potrà fumare in santa pace. Il 7 giugno è un'altra data importante. Anche quest'anno organizzeremo il torneo di calcio al quale parteciperanno i giovanissimi di As Roma, l'Aquila, Giulianova e Sambenedettese. Chiunque volesse unirsi a noi è il benvenuto, la vicinanza del popolo romanista può solamente farci piacere".