A Testaccio

Cor Core Acceso, Conidi: "Gioia immensa frutto di una stagione fantastica"

Il cantante premiato all'evento in piazza: "Grazie a tutti, è un sogno". Pastorella: "Vogliamo meritarci l’amore incondizionato di tutti i tifosi ogni giorno"

Marco Conidi che canta Mai sola mai in Piazza Testaccio (Claudia Rolando)

Marco Conidi che canta Mai sola mai in Piazza Testaccio (Claudia Rolando)

Valerio Bertolelli
12 Giugno 2022 - 07:15

Nel cuore pulsante di Roma, racchiuso tra i palazzi che trasudano romanità e nell'immenso abbraccio dei tifosi giallorossi è stato assegnato il primo Premio Romanista ai migliori romanisti dell'anno. A Piazza Testaccio, in quel rione che quest'anno ne compie 100, una parte di popolo giallorosso si è riunito in occasione della manifestazione "Cor Core Acceso", che dalle 19 ha raccontato a tutti i presenti non solo la Roma di Testaccio, ma anche il rione.
«Grazie per avermi aperto i vostri cuori». Con queste parole Marco Conidi, l'autore di "Mai sola Mai", canzone che fa cantare e commuovere i tifosi allo Stadio Olimpico, ma anche in ogni momento della loro (e nostra) vita, ha ringraziato tutti i presenti. Il cantante giallorosso è stato premiato per aver saputo intercettare il sentimento di milioni di tifosi con una canzone che quest'anno, partita dopo partita, è diventata la colonna sonora di una delle più belle e avvincenti stagioni giallorosse. "Questo è stato un anno meraviglioso. Essere riuscito a diventare la colonna sonora del popolo a cui appartengo è una gioia enorme. Grazie di avermi fatto sentire uno di voi". Al termine delle sue parole i presenti, con lo zoccolo duro del Roma Club Testaccio, hanno intonato la sua celebre canzone, con tanto di fumogeni accesi e torcioni, che si sono illuminati di giallo e di rosso, come tutta la piazza.

Sul palco è stata premiata anche Monica Lucarelli, assessora alle attività produttive e alle pari opportunità del Comune di Roma. "Sono felice di essere qui. Ricorre il centenario del quartiere, un momento importante per un luogo così amato. Stiamo lavorando con tanto impegno". L'assessora ha raccontato anche la sua storia da giallorossa: "Sono romanista da quando ero bambina, quando seguivo Sebino Nela a viale Europa, mentre faceva shopping. Romanisti si nasce, si cresce e si soffre, è bellissimo essere qui".

Il Premio Romanista dell'Anno è stato consegnato anche a Francesco Pastorella, Direttore Sustainability & Community Relations Department della Roma, per aver favorito il processo di riavvicinamento della squadra alla città: "Stiamo cercando di meritarci l'amore incondizionato di tutti. La società ha deciso di mettere i tifosi al centro del progetto, che può realizzarsi solo con il loro aiuto e coinvolgimento".

Altri premiati della serata sono stati Filippo Missori, della Primavera, Alice Corelli e Anastasia Ferrara, della Primavera Femminile. Poi, premiati anche Emma Ficcadenti, prima abbonata del Romanista, Enrico Pozzi, presidente del Roma Club Testaccio e Raffaele Compagna, presidente del Cda de Il Romanista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags: