«Noi c'avemo er core grosso, mezzo giallo e mezzo rosso»: nessuno dei cuori romanisti potrà mai dimenticare Lando Fiorini. Lo storico cantautore romano e di fede ostentatamente giallorossa avrebbe compiuto oggi 84 anni e oggi si terrà un evento per tenerne viva la memoria e il suo indissolubile legame con la Capitale. A partire dalle ore 12 sarà inaugurato il murale a lui dedicato, realizzato sulla facciata di una palazzina Ater dallo street artist Lucamaleonte in via Evangelista Torricelli a Testaccio. L'opera è stata promossa dall'AS Roma con il patrocinio della Regione Lazio, per rendere omaggio all'artista, simbolo immortale della romanità.

«In famiglia siamo tutti romanisti - ha dichiarato al sito della società Francesco Saverio Fiorini, figlio di Lando e presidente del Roma Club Amore Giallorosso fondato dal padre - ma Lando è sempre stato amato da tutti, a prescindere dai colori. L'AS Roma ha realizzato qualcosa di straordinario e io posso solo ringraziare questo Club perché dimostra e sta dimostrando costantemente l'attaccamento che ha nei confronti della gente di Roma e delle sue tradizioni». Quello che verrà inaugurato oggi non è un esempio isolato tra le iniziative del club giallorosso, che nei mesi scorsi ha contribuito a realizzare altri murales (sempre firmati da Lucamaleonte) ad altri simboli di romanità (e di romanismo) nel mondo come Alberto Sordi, Anna Magnani e Gigi Proietti. Quello di "Albertone" alla Garbatella è stato inaugurato nel giorno del 101º anniversario dalla sua nascita, l'opera per Anna Magnani è dal maggio scorso in via della Vanga, nel Tiburtino III e quello per Gigi Proietti è al Tufello, quartiere in cui il Maestro è cresciuto. Lo street artist e il club hanno anche collaborato per scopi sociali con il murale a Colleferro dedicato a Willy Monteiro Duarte, inaugurato il 4 febbraio 2021 a simboleggiare la lotta alla violenza di ogni tipo. «Ancora una volta - ha continuato il figlio Francesco Saverio - questa società ha manifestato vicinanza ai tifosi, non solo sotto l'aspetto calcistico ma anche e soprattutto sotto quello umano. Sono orgoglioso di essere romanista e che la mia squadra sia l'AS Roma». Oggi avrebbe compiuto 84 anni una voce simbolo della città, voce che tra l'altro risuona allo Stadio Olimpico prima delle partite con "Forza Roma, forza Lupi" (accade lo stesso anche a Trigoria per la Primavera e al Tre Fontane per la Femminile). «Semo romani, ma romanisti de più»: la sintesi del tifoso giallorosso che da oggi sarà ricordato anche da un murale nel cuore della sua città.