Sabato alle 18.00 andrà in scena il big match tra Roma e Inter, nella cornice dello Stadio Olimpico di Roma. Alla vigilia dell'atteso scontro il mister dei nerazzurri, Simone Inzaghi, è intervenuto nella consueta conferenza stampa pre-partita, nel corso della quale ha risposto alle doamnde dei giornalisti. Di seguito le dichiarazioni rilasciate.

Sulla gara di domani.
"Domani contro la Roma servirà una gara da vera Inter. Sarà la partita più importante di questo ciclo: la Roma è forte e ha valori importanti. Dovremo fare una partita molto attenta. Ma io ero sereno anche quando avevamo un ritardo più importante dalla vetta. Perché vedevo che la squadra giocava bene. Nelle ultime giornate invece siamo riusciti a trovare anche continuità di risultati. Prima abbiamo pagato alcuni episodi, compresi dei rigori nel finale anche sbagliati. Ma bisogna essere più forti anche di certi episodi. La Roma sarà arrabbiata per la sconfitta di Bologna, dovremo essere bravissimi".

Su Mourinho.
"Sarà un piacere incontrarlo, è l'allenatore del Triplete, non l'ho mai affrontato e conosciuto: mi farà piacere. Per lui sarà una partita speciale, noi dovremo fare ancora più attenzione perché sappiamo le sue capacità e quello che ha fatto nella sua storia".

Sulla formazione ed eventuali recuperi dall'infermeria.
"Non ci saranno Ranocchia e Darmian, pochissime possibilità per De Vrij e Kolarov, penso li porteremo a Madrid o domenica col Cagliari. Dovrò valutare gli altri, Bastoni ieri era sfebbrato ma non è ancora uscito sul campo. Sembra stia meglio. Ci sono un po' di contusioni dopo lo Spezia e oggi dovrò valutare. Barella aveva bisogno di riposare, ma sta benissimo".

Visto il suo passato alla Lazio, avverte ancora il clima derby. E Dzeko come vive il ritorno da ex?
"Tornare a Roma mi fa sicuramente effetto, ma non è più un derby. Sono entrato al 100% nell'Inter. Sappiamo che avremo una squadra importante davanti, all'Olimpico servirà una partita di corsa. Per Dzeko sarà una partita particolare. Nell'ultimo giorno e mezzo si è allenato intensamente, sarà speciale per lui ma tutti avvertiamo l'importanza della gara".