Si racconta che quando Stan Lee, mitica icona del mondo dei comics, chiese ad uno dei suoi consulenti finanziari in quale campo avrebbe potuto investire il suo denaro, quello, senza esitare gli rispose: «Stan, conosci e ami i fumetti: compra fumetti». Inutile dire che fu l'investimento migliore della sua lunga vita e la medesima cosa avrebbe potuto accadere a Francesco Totti. Se l'icona indiscussa della storia giallorossa avesse fatto confluire capitali cospicui nella sterminata oggettistica che lo riguarda, i suoi proventi rispetto allo stanziamento di partenza sarebbe stato di uno a venti.

Ci siamo divertiti in questo articolo a dare un'occhiata a quanto sta avvenendo, ad esempio, nel mondo delle figurine e, è bene precisarlo, l'universo Panini è solamente la punta dell'iceberg. Ad oggi, il sito della casa modenese denuncia il sold out per le figurine "Totti" del 1994-95, 2000-01, 2001-02, 2002-03, 2003-04, 2008-09 e 2010-11, ma reperirle su eBay (a prezzi che superano agevolmente i 30 euro) è pressoché un gioco da ragazzi.

Una delle prime figurine di Totti con la maglia della Roma

Non solo Panini

Assai più complicato è inoltrarsi nel variegato microcosmo delle molte figurine introvabili del Campione del Mondo di Porta Metronia. E per toccare questo argomento non c'è neanche bisogno di scomodare la figurina di produzione araba (una serie da 75, che in un esemplare ritrae Totti in azione, probabilmente nella gara di Coppa UEFA del 15 settembre 2005 contro l'Aris Salonicco) che è stata messa recentemente all'asta partendo da una base di 400 euro.

Senza arrivare a questi eccessi, addentrandoci nella stagione 1994-95, il leggendario Massimo Germani (collezionista e "faro" giallorosso cui faremo riferimento anche in seguito), ci segnala una sorpresa che ha del clamoroso. Nell'album "Tutto il Calcio in azione", edito dalla Service Line, la figurina numero 300 è dedicata a Totti in azione (la foto, tanto per gradire, è stata scattata nel corso di Roma-Foggia del 4 settembre 1994, la gara dunque che vide la prima rete in Serie A di Francesco). Il particolare è di sostanziale importanza perché mette in dubbio il fatto che la prima figurina di Totti ad essere stata pubblicata sia la Panini (numero 320) della stessa stagione. Chi arrivò prima nelle edicole? Su questo lasciamo ad altri il compito (abbastanza arduo) di arrivare al verdetto. Quanto può valere questa figurina? Difficile dirlo, perché in circolazione non ce ne sono neanche a pagarle oro.

Nel 1995-96 (la seconda nella quale è possibile reperire figurine dedicate a Totti), la Svima, nel colossale album "Roma, Roma Roma. La Storia giallorossa in figurine" (la bellezza di 480 pezzi, per quello che rimane probabilmente il più bell'album monografico dedicato all'AS Roma mai editato), riserva a Francesco una leggendaria figurina "in azione" (per gli amanti della cabala che volessero giocarlo, il numero è il 473). Attualmente trovare un esemplare di quello storico scatto è assolutamente impossibile. In merito abbiamo sentito anche Massimo Germani, a nostro avviso il più grande collezionista di figurine giallorosse sulla faccia del pianeta (e certamente il più documentato) che sulla questione ci ha detto: «Il fatto è che dalla pubblicazione di quel bellissimo album sono passati ventitré anni e chi quella figurina ce l'ha, molto semplicemente se la tiene. Facendo una battuta direi che un modo per trovarla è quello di reperire qualche bustina sigillata dell'album. Credo che sia più facile, ed è tutto dire».

La figurina di un giovane Francesco Totti in azione palla al piede

La fiche giallorossa

Sempre proseguendo in questa carrellata, ci viene in mente l'originale caso della "Collezione Italia Foot Stars", della Play Press (che aveva la sua sede a viale delle Milizie). Nel 1997 la casa romana mise in commercio un gioco da tavola a tema calcistico che comprendeva 192 fiches di calciatori di Serie A e 40 figurine (ognuna delle quali raccoglieva 4 atleti della stessa squadra) che bisognava richiedere scrivendo alla sede editoriale della Società. Totti venne chiaramente inserito sia nelle fiches sia nelle figurine (la numero 40, che divideva con Paulo Sergio, Balbo e Delvecchio). Inutile dire che del gioco da tavola si è persa ogni traccia, mentre sia la fiche sia la figurina con il volto di Totti (al limite dell'introvabile), hanno raggiunto quotazioni debordanti. Per capire le proporzioni basta dire che la fiche di Totti ha un valore in asta eBay undici volte superiore a quello di Maldini e Nesta, non proprio dei carneadi qualsiasi.

Solo pochi mesi più tardi, nel febbraio 1998, l'Edigamma edita l'album "Solo la Roma" (118 figurine). Totti è visibile nella figurina 3 (il segmento di una formazione relativa con tutta probabilità all'amichevole Wiener Nustadter-Roma del 30 luglio 1997), nella 43 e nella 44. C'è bisogno di dirlo? Se ne sono perse disperatamente le tracce.

La Fiche di Totti, vale undici volte quelle di Nesta e Maldini

Serbia e non solo

Facciamo un salto in avanti e andiamo oltreconfine per dare conto, nell'anno 2005-06, di una figurina riguardante Totti, inserita nell'album serbo "Gradski Derby" della improbabile School Shop Football. Si tratta di una figurina (la 166, in una foto relativa alla stagione precedente, mentre il capitano indossa la terza maglia) di difficilissimo reperimento.

Sempre nello stesso anno, affrontare le edicole tocca alle maxi-figurine dell'album ufficiale "AS Roma 2005 2006". Si tratta di un album di per sé nato per essere originale. Inedito il formato del raccoglitore (28x21), assolutamente inedita la grandezza delle figurine (10x15). Dopo pochi mesi dalla realizzazione (a cura della Uno Publishing, mentre la distribuzione venne gestita dalla Panini), tutte le figurine di quell'album erano diventate di difficilissimo reperimento, ma oggi avere la ventura di recuperare le due dedicate a Totti (la 34 e la 35) è impresa che sarebbe d'incerto esito anche se affidata a D'Artagnan e ai suoi amici moschettieri.

Altra bella sfida è quella legata alle "Merlin Pocket" del 2007-08, le più piccole di questa nostra galleria di ultra-rarità (2x3 le dimensioni, veramente lillipuziane). La piazza di Roma è ormai terra bruciata per questo genere di pezzi, mentre nelle mostre specializzate (Bologna e Reggio Emilia), ancora si riesce a rintracciarle, anche se, in queste fiere, ormai le figurine di Totti in genere vengono messe in esposizione in raccoglitori dedicati e i costi sono ovviamente perennemente ritoccati verso l'alto.

La figurina di Francesco dalla collezione Gradski Derby

Un album tutto per lui

Il 2008 è poi, per i collezionisti di figurine di Francesco Totti, indelebilmente segnato dall'uscita dell'Album "Francesco Totti Il Capitano" (88 figurine). Si tratta di un unicum nella storia romanista, l'unica collezione monografica interamente dedicata ad un solo campione. Come sarebbe la vita di chi decidesse oggi di mettersi sulle orme di questo album? Non impossibile, se si optasse per l'acquisto di un esemplare già completo (con un po' di pazienza dagli specialisti del settore si può reperire senza accendere un mutuo), praticamente impossibile per chi volesse reperire le figurine con "le veline" ancora al loro posto. Anche perché alcune delle ottantotto figurine in oggetto (come la 45 che mostra Totti con la maglia della Roma fregiata dallo scudetto), sono diventate "chiave" e scovarle è (nonostante siano passati solo dieci anni) impresa di rilievo.

Ma qual è la più bella figurina edita riguardante Totti? A mio personalissimo avviso la Merlin del 1995 (numero 280), la decima (un caso?) delle diciotto dedicate alla squadra giallorossa da quella raccolta, che mostra un Totti giovanissimo con la maglia a laccetti western, una delle più belle indossate in carriera. Si tratta del modello, senza main sponsor, che la Roma vestì nelle prime amichevoli del mese di luglio (forse l'immagine è relativa proprio alla primissima uscita contro il Lavarone del 23 luglio 1994). Ironia della sorte, quella maglia era una numero 9: un ulteriore motivo d'interesse per un campionissimo legato indissolubilmente, invece, alla gloriosa casacca 10.

Totti in azione con la maglia della Roma 2001/2002