Missione compiuta, senza troppa fatica: 3-0 al Sassuolo, la Roma supera gli ottavi di Coppa Italia Primavera, vendicando la sconfitta della prima giornata. Il 23 gennaio i quarti, a Bergamo contro l'Atalanta, sempre in gara secca. De Rossi tiene Pezzella e rilancia Chierico, al posto dello squalificato Celar c'è Buso, il primo a cercare la conclusione: due tiri sul fondo nei primi 9', sul secondo, in girata, poteva fare di più, vista la distanza ravvicinata. Riccardi prova un paio di percussioni, al 34' D'Orazio va al tiro da fuori, bloccato senza difficoltà, 5' dopo non arriva su un bel cross di Parodi. La Roma chiude il tempo in crescendo: un paio di mischie in area, al 45' una gran parata di Campani su destro da fuori di Marcucci, nel minuto di recupero ci prova Chierico, e stavolta il portiere del Sassuolo non può farci nulla, ingannato dalla deviazione di Greco. La ripresa, dopo un gol del Sassuolo annullato per fallo sul portiere, vede una lunga fase di stanca, fino al 18': bel filtrante di Chierico per Marcucci, chiuso al momento del tiro, Buso idem, la palla arriva a D'Orazio che calcia di prima, sul secondo palo, e trova il raddoppio. Morrone reagisce cambiandone tre: Marginean va subito al tiro, impegnando Greco, Manzari – che solitamente è titolare – ravviva la manovra d'attacco. De Rossi risparmia l'ultimo quarto d'ora a tre titolari, visto che domenica c'è la Samp, al 37' la Roma chiude i conti: Buso si libera bene e scaglia un preciso destro dalla lunetta, all'angolino basso, trovando il primo gol in Primavera.