Ventuno partite in tre mesi. Ventuno modi per dire «ci siamo». Con la coda del sorteggio di Conference League, andata in scena ieri, la Roma comincia a prendere confidenza con l'autunno caldo che la attende dopo aver conosciuto il giorno prima i nomi degli avversari europei. Il calendario del Gruppo C del torneo continentale si interseca con quello della Serie A, concedendo già un'idea di massima rispetto al cammino che attende i giallorossi fra il 12 settembre - quando il campionato riprenderà dopo la prima sosta - e il 12 dicembre, quando sarà in programma la diciassettesima giornata, esattamente tre giorni dopo la conclusione dei gironi europei.

Si comincia quindi a entrare nel vivo dei doppi impegni settimanali a partire dalla settimana di ritorno dalle nazionali: il primo trittico di gare dispone il match casalingo contro il Sassuolo domenica 12 settembre, il debutto casalingo nella fase finale con il Cska Sofia giovedì 16 e la trasferta al Bentegodi, tana dell'Hellas Verona, prevista per il 19. Ma le date dalla terza giornata in poi devono ancora essere stabilite dalla Lega e le squadre impegnate in Europa e Conference League dovrebbero essere tutelate giocando di lunedì, almeno in linea teorica (alla Roma è accaduto una sola volta da quando ci sono sfide europee di giovedì). Altro giro, altra corsa: in prossimità del secondo turno di coppa si alza l'asticella delle difficoltà: il 26 settembre è in programma il derby e quattro giorni dopo la Roma è attesa dalla lontana trasferta in Ucraina, in casa dello Zorya Luhansk (ma anche la squadra di Sarri sarà impegnata nella stessa data in Europa).

Subito dopo, si torna in campionato ospitando l'Empoli (il 3 ottobre). Se possibile ancora più complessa la gestione della gara successiva - terza giornata di Conference, il 21 ottobre in Norvegia, contro il Bodo/Glimt - prevista fra la sfida di Torino contro la Juventus del 17 ottobre e quella casalinga col Napoli dell'ex Spalletti (pure alle prese con l'EL) del 24. La partita seguente si disputerà invece quattro giorni dopo un altro big match di Serie A, quello con il Milan. All'Olimpico sono attesi i rossoneri il 31 ottobre e i norvegesi per il retour-match il 4 novembre. Subito dopo trasferta a Venezia (per il momento in calendario il 7). Più abbordabile - almeno sulla carta - il turno successivo, in casa con lo Zorya il 25 novembre, in mezzo fra le gare a Marassi col Genoa e a Roma col Torino (21 e 28). Chiusura di girone a Sofia il 9 dicembre, fra Roma-Inter e Spezia-Roma, rispettivamente il 5 e il 12.