Dazn si dice «dispiaciuta» per i problemi di trasmissione riscontrati da moltissimi utenti durante la visione delle partite della prima giornata di Serie A. Lunedì la Lega aveva inviato una lettera alla piattaforma streaming che da quest'anno detiene tutti i diritti del massimo campionato italiano, chiedendo chiarimenti sull'accaduto. Problemi di ricezione, scarsa qualità video e continue interruzioni dovute al "buffering" erano state messe in risalto tra sabato e domenica.

«In questi mesi - scrive Dazn nella nota di risposta - sono state implementate nuove tecnologie e portati avanti importanti cambiamenti a fronte dei quali, già alla fine della prima giornata, sono stati raggiunti ottimi risultati quali l'incremento dell'audience cumulata rispetto agli anni precedenti, parametri migliori relativi all'utente finale, maggiore copertura territoriale». Dazn, però, fa riferimento soltanto alla partita tra Inter e Genoa di sabato, quando si sarebbe «registrato un picco di traffico, limitato a un'unica Cdn (provider), risolto nel giro di pochi minuti e che ha avuto un impatto limitato su un gruppo di utenti che hanno poi potuto assistere alle altre partite, dal momento che il problema è stato risolto velocemente». Nessun accenno alle altre gare, nonostante le tante lamentele di chi ha assistito anche a Roma-Fiorentina o a Udinese-Juventus, tanto per citarne due.

«Siamo ovviamente dispiaciuti - prosegue la risposta della piattaforma streaming -, consapevoli dell'alto valore del campionato di calcio di Serie A Tim, delle squadre impegnate e della grande passione di tutti i tifosi. Continuiamo a lavorare, proseguendo nel costante dialogo e collaborazione con l'Autorità e i partner, fondamentali in questo progetto di cambiamento senza precedenti, così come nello sviluppo e nel potenziamento di Dazn Edge, la cache proprietaria per la gestione del traffico e nell'ulteriore ottimizzazione dei processi con le Cdn globali».

Quindi il tentativo di dare una spiegazione a quanto accaduto: «Come in ogni fase di cambiamento, e come già successo anche in passato, l'introduzione di nuove tecnologie di tale portata richiede un momento fisiologico di assestamento, fase necessaria per permettere ulteriori miglioramenti esprimendo in modo compiuto le incredibili potenzialità dello streaming a vantaggio del calcio, dello sport e di tutto il Paese e l'impegno di Dazn in questo processo è assoluto e incondizionato».
Insomma, problemi tecnici, che però hanno spinto la Lega Serie a invitare Dazn a un tavolo tecnico che verrà presto convocato. Nel frattempo, il Codacons aveva chiesto il rimborso per gli abbonati. La speranza di chi segue il calcio in tv è che già dalla seconda giornata i problemi vengano risolti.