Fu una bella giornata, quel Roma-Lecce del 23 febbraio 2020: la squadra di Fonseca, che in campionato era reduce da tre sconfitte di fila, dette seguito all'1-0 ottenuto tre giorni prima in Europa League sul Gent con una vittoria mai in discussione, un 4-0 firmato Ünder, Mkhitaryan, Dzeko e Kolarov, contro una squadra che era reduce da tre vittorie di fila. Non era il mondo prima del Covid, perché in Cina già ci stavano combattendo, e neppure l'Italia, perché c'erano già stati i primi tre morti, ma ancora non erano iniziati blocchi e limitazioni, e ancora si poteva andare allo stadio: erano in 34.293 i presenti quel giorno, di cui 21.796 abbonati. Ci furono gli spettatori anche a Cagliari, una settimana dopo, poi il campionato si fermò, fino al 24 giugno, quando riprese in stadi vuoti. Poi, lentamente, ci sono stati i primi timidi esperimenti di ripresa, i 1.000 presenti, poi le aperture parziali per l'Europeo, chieste dall'Uefa, che altrimenti minacciava di togliere le gare all'Italia: domani, 538 giorni dopo, per l'amichevole con il Raja Casablanca, presentazione ufficiale della Roma di Mourinho (a cui verrà dedicato un video sui maxischermi, che ripercorrerà le sue prime settimane nella Capitale) l'Olimpico riaprirà a un numero congruo di tifosi. Al momento sono più di diecimila, ma la vendita rimarrà aperta anche oggi. Ieri intanto il club ha reso noto il programma della serata, che inizierà alle 20, tre quarti d'ora prima del calcio d'inizio, e che prevederà anche uno spettacolo di fuochi artificiali: nell'intervallo poi faranno il giro d'onore la Roma Under 17 e la Primavera femminile, che lo scorso anno hanno vinto i rispettivi campionati. In caso di gol della Roma ci sarà la nuova canzone, scelta dai tifosi tramite la piattaforma Socios, sempre chitarre elettriche e ritmi rock: esce il punk moderno dei Blink 182, con la loro "All the small things", entra il grunge dei Nirvana, col superclassico "Smells like a teen spirit". I cancelli apriranno alle 18.45, per entrare servirà il Green Pass (che si può ottenere anche temporaneamente, per 48 ore, sottoponendosi a un tampone rapido): per accelerare le operazioni si consiglia di presentare la documentazione in formato digitale. Allo stadio bisognerà tenere sempre la mascherina, e rispettare il posto assegnato, mantenendo almeno un metro di distanza dagli altri spettatori.

Pellegrini in gruppo

Ieri intanto la squadra si è allenata alle 10, con quaranta gradi di temperatura: è rientrato in gruppo Lorenzo Pellegrini, dopo la ginocchiata alla coscia presa martedì, nella prima seduta della settimana, si è rivisto con la squadra anche Villar, fermo da fine luglio per una distorsione ala ginocchio (ma ha poi finito di lavorare a parte). Il capitano ci sarà stasera, e soprattutto giovedì, in Turchia, contro il Trabzonspor: ieri l'Uefa ha reso noto il nome dell'arbitro, lo sloveno Jug, che aveva già diretto lo scorso anno Roma-Cluj 5-0. Sloveni anche gli altri componenti della squadra arbitrale (che non prevede il Var): assistenti Vidali e Vukan, quarto uomo Kajtazovic. E domenica si torna all'Olimpico per la prima di campionato, con la Fiorentina.