Due polpacci. Una caviglia. Un ginocchio. Non è il titolo del nuovo film di Aldo Giovanni e Giacomo, ma la fotografia, peraltro parziale, che arriva dall'infermeria della Roma. Perché i polpacci sono quelli di Javier Pastore, la caviglia quella di Kostas Manolas, il ginocchio quello del Capitano, Daniele De Rossi. In questo senso, ieri è stata una giornata positiva, con De Rossi avviato a breve giro di posta a rientrare nel gruppo, Manolas per il quale sembra meno grave del temuto l'infortunio alla caviglia destra, Pastore rientrato a Roma vedendo una piccola luce alla fine del tunnel.

Polpacci vostra

Cominciamo dalle condizioni dell'argentino che non vediamo in campo in pratica dai primi trenta minuti del derby visto che dopo, tra un polpaccio e l'altro, si è rivisto solo nei minuti finali della disgraziata gara con la Spal. Ieri Pastore è rientrato da Barcellona dove, nei giorni passati, è stato diligente paziente alla clinica Corachan, avendo come obiettivo di rimettere in sesto i muscoli dei suoi polpacci che dopo una carriera piuttosto lunga sono un festival di cicatrici. Il linguaggio medico certifica che l'argentino si è sottoposto a terapie cellulari e di ricostruzione muscolare. Il linguaggio più terra terra è che ha fatto i fattori di crescita per cercare di mettersi definitivamente alle spalle, o quasi, i problemi ai polpacci. Una terapia che avrebbe potuto fare anche qui a Roma, ma Pastore con la clinica catalana ha un rapporto di vecchia data, in questi ultimi anni c'è stato in più di un'occasione, l'ultima l'estate corsa, i suoi muscoli li conoscono nel dettaglio, quindi meglio non lasciare la strada conosciuta.

Sull'esito di queste cure, la privacy giallorossa è totale, non trapela davvero nulla se non un pizzico di ottimismo che, peraltro, in questi casi, è quasi d'obbligo. Quando torna allora a giocare? Domanda e risposta da un milione di dollari anche se il sogno dell'argentino è quello di potersi mettere a disposizione di Di Francesco per la sfida Champions contro il Real Madrid. Di sicuro non saranno corsi rischi per evitare ricadute che sarebbero devastanti anche da un punto di vista psicologico. La Roma vuole una guarigione completa e sicura per poter poi contare continuativamente sull'argentino che fino a oggi è stato più un'assenza che una presenza quando doveva essere il fiore occhiello dell'ultimo mercato. In campionato ha sommato soltanto cinque presenze (una sola per novanta minuti) e due colpi di tacco per un totale di 385' giocati. E poi in Champions, in quello che dovrebbe essere il suo palcoscenico ideale, Pastore finora ha fatto sempre lo spettatore non pagante.

Il greco sta meglio

A caldo sembrava qualcosa di preoccupante. Quando a Trigoria hanno letto che Kostas Manolas era stato costretto a uscire per infortunio dopo neppure trenta minuti della partita contro la Finalandia, era scattato l'allarme. Che non si è ancora spento, anche se le notizie poi arrivate dallo staff medico della Grecia, hanno fatto sapere che si tratta di una distorsione alla caviglia destra di modesta entità. Sospiro di sollievo, anche se oggi il greco che è rientrato a casa sarà controllato a Trigoria per verificare la reale entità del problema fisico. Da quello che filtra, pare che possa esserci anche una piccola speranza per la trasferta di Udine, ma è più probabile che non si affrettino i tempi, in considerazione del fatto che dopo la gara in Friuli, la Roma dovrà giocare all'IOlimpico contro il Real in una sfida che può decidere il primo posto nel girone di Champions e poi, sempre in casa, ci sarà il faccia a faccia contro l'Inter di Luciano Spalletti e Radja Nainggolan.

Torna il Capitano

La vera buona notizia della giornata di ieri, è comunque quella legata alle condizioni di Daniele De Rossi. Il Capitano sta completando quel percorso di terapia conservativa che dovrebbe consentirgli di posticipare i problemi al ginocchio (ciste sul menisco esterno) e tornare in campo. Nei primi giorni della prossima settimana, De Rossi dovrebbe tornare ad allenarsi con i compagni e non è per niente da escludere che possa essere poi nella lista dei convocati per la partita contro l'Udinese. Pure qui si andrà ovviamente con i piedi di piombo e il ritorno in campo di De Rossi è più possibile nella sfida Champions contro il Real. Il Capitano è assente dalla trasferta di Napoli quando nei minuti finali del primo tempo fu costretto a chiedere il cambio a causa dei dolori al ginocchio. Ora sembra pronto a tornare. E la cosa non può che far piacere a Di Francesco e non solo.