Vichai Srivaddhanaprabha, presidente del Leicester City, era sull'elicottero che si è schiantato al suolo circa un'ora dopo il fischio finale di Leicester-West Ham. Il velivolo presidenziale, a bordo del quale il patron thailandese delle Foxes era solito fare ritorno a Londra, è precipitato al suolo pochi secondi dopo il decollo. Lo schianto ha provocato un imponente incendio nel parcheggio del King Power Stadium. A dare la notizia della sua presenza a bordo assieme all'equipaggio, alla figlia e due nipoti, l'emittente satellitare Sky Sport. Secondo Sky Sports inglese, il vicepresidente Aiyawatt Srivaddhanaprabha e il direttore sportivo Jon Rudkin non erano a bordo.

Srivaddhanaprabha aveva acquistato la squadra di Leicester nel 2010. Sotto la sua gestione è avvenuta una delle più sorprendenti stagioni di una squadra nella storia della Premier League: le Foxes, nella stagione 2015-16, avevano conquistato il campionato contro ogni pronostico a dispetto di tutte le grandi del calcio britannico.

Shock a Leicester. L'elicottero del presidente thailandese Vichai Srivaddhanaprabha, che fa spesso ritorno nella città inglese per seguire le vicende della squadra acquistata nel 2010, si è schiantato lasciando il King Power Stadium circa un'ora dopo il fischio finale della partita pareggiata col West Ham. Non è tuttora chiaro se Srivaddhanaprabha fosse nel velivolo quando si è schiantato. L'elicottero è caduto nel parcheggio dello stadio, dove ha finito di bruciare sotto il controllo dei vigili del fuoco. Il mondo del calcio e tutto il Regno Unito attendono di conoscere ulteriori notizie sulle persone che erano presenti all'interno del velivolo e su eventuali sopravvissuti. Secondo quanto riporta il Guardian, l'incendio provocato dalla caduta dell'elicottero ha provocato attimi di terrore. Kasper Schmeichel, portiere del Leicester, è stato avvistato in lacrime. Per il Daily Mirror, Srivaddhanaprabha era a bordo dell'elicottero.

di: La Redazione