Cinque sostituzioni nelle competizioni nazionali approvate fino al 31 dicembre 2021. Questa è la decisione principale emersa dalla riunione dell'International Football Association Board. L'organo che stabilisce le regole del gioco ha prorogato l'emendamento temporaneo della Legge 3 emanato nel post-coronavirus. Scelta presa per mantenere la salvaguardia dei giocatori, anche in relazione ai tanti impegni ravvicinati che le squadre devono affrontare. La proroga vale anche per le competizioni internazionali che termineranno entro il 31 luglio 2022.

L'Ifab ha deciso anche che "in caso di commozione cerebrale effettiva o sospetta - si legge sul sito ufficiale -  il giocatore dovrebbe essere rimosso definitivamente dalla partita per proteggere il proprio benessere, ma la squadra del giocatore non dovrebbe subire uno svantaggio numerico". Alla base di questo quindi, è stata approvata l'attuazione di protocolli che consentiranno, a partire da gennaio 2021 di alcune  sperimentazioni per un'ulteriore sostituzione nel suddetto caso specifico.