Nel giorno di Emre Can, la Juventus non perde di vista il mercato in uscita. Esercitato il diritto di riscatto per Douglas Costa a quaranta milioni di euro, Beppe Marotta e Fabio Paratici sperano di incassarne altrettanti da alcune cessioni minori. Valutato venti milioni di euro, Stefano Sturaro ha offerte dall'Inghilterra (Everton, Leicester, Newcastle e West Ham) e dalla Spagna (Betis Siviglia e Valencia). Stessa quotazione per Rolando Mandragora, che flirta da tempo con il Monaco, ma ha accolto con favore anche il recente interessamento dell'Atalanta, che si è aggiunta al Genoa come pista italiana. Vale invece il quadruplo il cartellino di Miralem Pjanic. La pista Barcellona è diventata molto più concreta negli ultimi giorni. Il centrocampista bosniaco, vincolato ai bianconeri da un contratto di 4,5 milioni di euro più bonus a stagione fino al 2021, non è immune al fascino blaugrana e alla possibilità di raccogliere la pesante eredità di Iniesta in Catalogna.

Sfumato Griezmann, il Barça destinerà una parte sostanziosa del budget mercato proprio al reperimento di un centrocampista di qualità e avvicinarsi agli ottanta milioni richiesti dai torinesi non rappresenterebbe un problema. «L'interesse del Barça ci lusinga molto, ma devono parlare con la Juve», le parole del suo agente, Michael Becker a El Mundo Deportivo. Una chiacchierata con la dirigenza bianconera molto probabilmente la farà anche lui, tentando magari di sfruttare l'interesse blaugrana come sponda per arrivare al rinnovo. Una volta incassati i soldi dalle cessioni, Marotta tornerà all'assalto di Golovin incrementando l'offerta di circa venti milioni, bonus compresi, presentata prima dell'esplosione del ragazzo al Mondiale. Viaggia spedita e indipendente dalle manovre in uscita, invece, la trattativa con il Valencia per Joao Cancelo, sempre più vicino alla squadra torinese. Mentre per Milinkovic-Savic, oltre che con le richieste elevate di Lotito, i bianconeri dovranno vedersela con l'inserimento del Real Madrid.

 Il Chelsea di Sarri

Real Madrid che per la porta non perde di vista Thibaut Courtois, l'alternativa meno costosa rispetto ad Alisson. Il portiere del Chelsea non ha ancora rinnovato e sarà una delle prime problematiche da affrontare per Maurizio Sarri. Il tecnico toscano, a meno di nuovi colpi di scena, diventerà il manager dei Blues nei prossimi giorni e sulla sua lista della spesa figurano diversi calciatori della Serie A. Nel Napoli, che ha chiuso l'acquisto di Fabian Ruiz dal Betis Siviglia pagando la clausola di 30 milioni, i calciatori più facilmente raggiungibili sono Callejon  e Albiol, ma sul difensore c'è il Villarreal. Da non trascurare le piste che conducono a Gonzalo Higuain, rimasto in ottimi rapporti con Sarri e valutato cinquantacinque milioni, e a Daniele Rugani, ritenuto incedibile dalla Juve a men che non arrivi un'offerta da quaranta milioni, che cederebbe invece molto volentieri Benatia. In Francia piace Jean Michael Seri.