Si conclude con la vittoria di Diodato il primo Festival di Sanremo degli anni Venti, che ha incollato, tra tormentoni e polemiche, monologhi preparati approssimativamente e imitazioni improvvisate, gli italiani alla tv (oltre 10 milioni a serata dicono i dati Auditel). Ieri sera, fino a tarda notte, al teatro Ariston è andato in scena l'epilogo della settantesima edizione condotta da Amadeus insieme all'intramontabile mattatore Fiorello, all'inossidabile Tiziano Ferro e alle brave co-conduttrici che si sono susseguite nelle cinque serate: Diletta Leotta, Rula Jebreal, Antonella Clerici e Alketa Vejsiu fra tutte.

Tra 24 campioni il brano di Diodato, "Fai rumore", ha trionfato su Francesco Gabbani e la sua "Viceversa" e sui Pinguini Tattici Nucleari con "Ringo Star", rispettivamente secondo e terzi. Elodie, Levante, l'istrionico Achille Lauro (che ha stupito tutti anche alla fine travestendosi da regina Elisabetta I Tudor) le piacevoli sorprese di questa edizione. Dopo la votazione della giuria, della sala stampa e del televoto, si è proceduto con la classifica di gradimento che ha tenuto conto anche delle votazioni espresse nelle serate precedenti dalla giuria demoscopica e dall'orchestra. La musica è stata comunque la vera regina della kermesse, spaziando tra vari generi; dal pop all'indie, dai personaggi usciti dai talent ai classici di sempre.

Tanti sono stati gli ospiti che hanno confermato il timbro nazionalpopolare che si è voluto volutamente dare a questa edizione anniversario. La giornalista palestinese Rula Jebreal subito protagonista, durante la prima serata, di un toccante monologo contro la violenza sulle donne. Seguita da Diletta Leotta che porta all'Ariston il tema della bellezza intesa "come una cosa che capita" e non toglie nulla al talento. Super ospite della seconda serata è Massimo Ranieri che "non perde l'amore" duettando magistralmente con Tiziano Ferro. Nella serata delle "cover" hanno affiancato Amadeus alla conduzione Georgina Rodriguez con il fidanzato Cristiano Ronaldo presente in prima fila e Alketa Vejsiu, talentosa conduttrice albanese. Fiorella Mannoia, Emma, Giorgia, Gianna Nannini, Laura Pausini, Elisa e Alessandra Amoroso sono le sette artiste che hanno presentato il progetto con concerto benefico "Una, nessuna, centomila" in supporto alle donne maltrattate.

Durante la terza puntata è stato Roberto Benigni a rubare la scena decantando "Il Cantico dei Cantici". Nella quarta giornata protagonista è Leo Gassman, proclamato vincitore delle nuove proposte. Ed è Dua Lipa l'atteso ospite internazionale, la star da oltre un milione di visualizzazioni su youtube. Infine una serata senza particolari fronzoli quella andata in scena ieri, caratterizzata dalla presenza di un solo ospite musicale, Biagio Antonacci, che ha presentato il suo nuovo singolo "Ti saprò aspettare". Arrivederci al prossimo anno Città dei fiori.