Archiviata la pratica Parma, per la Roma è tempo di pensare alla prossima gara, in programma giovedì contro il Cluj. La prossima giornata di Europa League potrebbe infatti già rivelarsi decisiva per i giallorossi, che con un successo avrebbero bisogno di un solo punto nelle successive due partite per ipotecare il passaggio ai sedicesimi.

La gara non sarà molto probabilmente la copia di quella dell'Olimpico, che ha visto il netto dominio della squadra di Fonseca: gli avversari potranno infatti contare sul fattore campo, oltre che su un ripensamento dell'allenatore Dan Petrescu, rimasto sulla panchina dei romeni dopo aver minacciato di abbandonare il club. Il Cluj arriva però alla gara di giovedì dopo la brutta sconfitta rimediata contro i modesti avversari del Fotbal Club UTA Arad, che hanno espugnato il Constantin Rădulescu grazie al gol al 75' di Hora. Ora il Cluj è fermo al terzo posto in classifica, a 4 lunghezze dalla vetta.

Bella vittoria invece per lo Young Boys. Gli svizzeri, secondi nel girone a pari merito con i romeni, hanno vinto 2-1 la gara contro il Basilea, portandosi in cima alla Super League svizzera a quota 15 punti. Decisivi per i tre punti sono state le reti del solito Nsame (a segno anche contro la Roma) e di Meschak. I gialloblù affronteranno giovedì il Cska Sofia, che arriva alla gara dopo le polemiche che hanno fatto seguito al rinvio del derby in programma sabato contro il Levski Sofia. Il match non si è disputato a causa degli 11 casi di Coronavirus riscontrati nella formazione ospite: a scatenare le proteste del Cska è stato l'inserimento tra i positivi di alcuni membri delle giovanili dei rivali, mai scesi in campo ma a tutti gli effetti componenti della rosa, avendo firmato un contratto da professionisti.